LOCRI: È POLEMICA SUL PAGAMENTO DEI LIBRI DI TESTO

129

In questi giorni abbiamo assistito all’incredibile “teatrino” sull’acquisto dei libri di testo per la scuola primaria.
I soliti detrattori hanno creato il panico e ingenerato notevole confusione.
Per colpa di questi personaggi in cerca d’autore, ancora oggi, molti studenti non hanno i libri scolastici.
Chi ha fatto circolare la voce che il Comune è in dissesto e non ha pagato le librerie, che per questo motivo non forniscono i libri, é in totale malafede e mente sapendo di mentire.
Il Comune di Locri non ha debiti sostanziali con fornitori di libri.
Da verifica presso la ragioneria del Comune risultano regolarmente pagate tutte le forniture dei libri dei precedenti anni.
In particolar modo i pagamenti relativi ai precedenti anni sono stati effettuati nei confronti di una libreria di Locri, che di recente ha cambiato gestione.
Tale libreria ha ricevuto – con pagamenti regolarmente effettuati- euro 21.221,24 per l’anno scolastico 2017/18 e euro 19.444,29 e euro 353,22 per l’anno scolastico 2018/2019.
Poi pagamenti ad altre librerie per un totale di euro 4152,80.
Questi dati confermano il giusto e corretto operato del Comune e smentiscono il solito fango gratuito nei confronti di chi, con impegno e sacrificio in un situazione di estrema difficoltà, cerca di garantire i giusti servizi ai cittadini.
Con riferimento all’anno scolastico in corso si precisa che il Comune ha ricevuto l’elenco degli studenti per l’acquisto dei libri in data 16 settembre 2019, nota prot. 22386 del 16/9/2019.
In data 23 settembre, con determina n. 38, il Settore Istruzione del Comune ha impegnato in bilancio, per l’anno scolastico 2019/2020, la somma di euro 25.258,10€ per “l’acquisto dei libri di testo per le scuole elementari” . In data 26 settembre, con nota prot. N. 23360 del 26/09/2019, ha trasmesso alle competenti scuole cittadine le “cedole librarie”, relative all’acquisto dei libri di testo, per essere consegnate ai genitori per l’acquisto dei libri presso qualsiasi libreria, per come previsto da apposita circolare ministeriale.
Il Comune non indica e non sceglie librerie, cosa che non gli compete, ma rimborsa alle librerie l’importo relativo ai libri venduti a seguito di presentazione di fattura con allegata cedola libraria .
Questa presisazione si è resa necessaria a seguito delle notizie false e tendenziose finalizzate a screditare l’Amministrazione comunale per mascherare incapacità di altri.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.