LOCRI: L’IMPRENDITORE AI CARABINIERI “PAGAI IL PIZZO PURE PER PALAZZO NIEDDU”

369
«Un emissario si presentava nei cantieri, anche di appalti pubblici Chiedeva contributi per le famiglie, la riscossione avveniva in strada»
«Per la mia tranquillità e per non avere problemi al cantiere il 21 novembre 2015 ho consegnato 3 mila euro»

«Mi sono fatto coraggio e mi sono convinto che avrei dovuto portare a termine, nella maniera più chiara possibile, la mia intenzione di denunciare tutto quanto a mia conoscenza». Sono le parole di un imprenditore che ha scelto di collaborare con i carabinieri e la Procura antimafia reggina per uscire dal giogo dell’estorsione praticata nei suoi confronti dalle cosche di ‘ndrangheta di Locri. Un percorso collaborativo che è stato supportato dai carabinieri che, insieme agli investigatori della Guardia di Finanza hanno messo a segno l’operazione chiamata “Riscatto – Mille e una Notte”.

Nel racconto del testimone di giustizia emerge uno scenario inquietante. Un emissario delle consorterie locresi lo andava a trovare nei vari cantieri, in quelli privati ma soprattutto su quelli dei lavori pubblici, per richiedere una tangente a nome e per conto delle “famiglie” di Locri, per poi pretendere un pagamento che, forse per non destare sospetti o per evitare eventuali intercettazioni, avvenivano «a Locri, nella pubblica via».

È il caso del pagamento di una tangente di 4 mila euro per i lavori di ristrutturazione di un edificio scolastico: «Per lavorare in maniera tranquilla e scongiurare eventuali ritorsioni quali danneggiamenti ai beni della mia ditta, in data 4 aprile 2015, a Locri, per strada, ho consegnato 3 mila euro (…) In data 8 maggio 2015, anche questa volta a Locri e nella pubblica via, ho consegnato mille euro».

Fu invece da 3 mila euro la mazzetta versata ai clan per i lavori di valorizzazione di Palazzo Nieddu-Del Rio, edificio com’è noto di grande valenza storico-culturale di Locri, e luogo simbolo della lotta contro la criminalità organizzata, dove nell’ottobre del 2005 fu assassinato Francesco Fortugno. «Per la mia tranquillità e per non avere problemi al cantiere – ha raccontato l’imprenditore – in data 21 novembre 2015 ho consegnato il denaro chiestomi, a Locri, per strada».

Un modus operandi che si è concretizzato anche per i lavori di manutenzione idraulica dei valloni che attraversano il territorio comunale di Locri: «Anche in questo caso – è il testimone che parla – la consegna del denaro è avvenuta a Locri nella pubblica via».

 

Fonte : Rocco Muscari – Gazzetta del Sud

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.