BOVALINO (RC): C’È L’ACCORDO TRA IL COMUNE E IL TRIBUNALE DI LOCRI PER “LA MESSA ALLA PROVA PER GLI ADULTI”

132

La messa alla prova per gli adulti è un procedimento speciale grazie al quale, l’imputato evita il processo e la condanna, ed accetta di svolgere dei lavori socialmente utili, al fine di arrivare ad una pronuncia di proscioglimento per estinzione del reato.

In questi casi è necessario l’apporto degli Enti e della comunità in genere che devono rendersi disponibili, attraverso apposita convenzione, ad accogliere l’imputato per lo svolgimento delle attività oggetto del programma di prova.

Abbiamo appena siglato una convenzione con il tribunale di Locri.. da oggi il nostro comune potrà ospitare degli imputati che hanno scelto il procedimento di messa alla prova come causa estintiva del reato. Questo è un progetto che è davvero rilevante perchè consente a chi ha sbagliato di riparare il danno attraverso lavori di pubblica utilità. Si tratta per lo più di reati di scarso valore per i quali l’ordinamento propone all’imputato di estinguere il proprio reato senza affrontare un processo, ma restituendo alla comunità qualche servizio”. Ce lo dichiara il giovane avvocato Filippo Musitano che continua:

Da avvocato e da assessore non posso che essere felice e orgoglioso della scelta che abbiamo fatto. L’inclusione sociale deve essere garantita anche nei casi in cui un cittadino si trovi a dover affrontare un giudizio e rinunci a questo per restituire alla comunità dei servizi. La giustizia ripartiva si affaccia, così, nell’ordinamento italiano e, per le idee con cui ci approcciamo alla cosa pubblica, non potevamo rinunciare a partecipare a questo percorso formativo che ha dei risvolti sicuramente positivi perché evita il formarsi di nuove marginalità sociali. Con un sol gesto si ottengono due risultati: rieducarsi e educare.

Il sindaco Vincenzo Maesano invece, sentito telefonicamente ha dichiarato : “L’amministrazione Comunale ha voluto anche nel settore delle politiche sociali rafforzare la sinergia tra Istituzioni nella convinzione che ciò sia indispensabile al fine di soddisfare alcune esigenze della comunità. La convenzione sottoscritta consente, altresì, all’Ente di partecipare attivamente al percorso formativo e rieducativo di coloro che sono imputati per piccoli reati e che per tali motivi rischiano di rimanere socialmente emarginati, con ripercussioni negative su tutta la società. Al contempo, si avrà anche un beneficio tangibile di servizi nelle attività previste e che sono di pubblica utilità per la nostra comunità”.

fonte: http://www.calabriainforma.com/

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.