DISPOSTA MISURA CAUTELARE DEL CSM: TRASFERITO A POTENZA IL PROCURATORE DI CASTROVILLARI (CS), EUGENIO FACCIOLLA

291

E’ stato trasferito a Potenza e destinato alla giustizia civile, su richiesta del ministro Alfonso Bonafede e della procura generale della Cassazione, decisa dalla sezione disciplinare del Csm, presieduta da Davide Ermini, vicepresidente del Csm, relatrice Paola Braggion, il procuratore capo di Castrovillari, Eugenio Facciolla, attualmente indagato a Salerno per una presunta violazione dei doveri di imparzialita’, correttezza e riserbo.

Abusando delle sue funzioni, avrebbe rivelato dati sensibili e anche favorito una societa’ che si occupa di intercettazioni.

Il suo legale, Antonio Zecca, ha precisato all’AGI che “al momento e’ tutto sospeso, perche’ ci saranno le impugnazioni consequenziali”. Zecca,che difende Facciolla in sede penale ma non ha rappresentato il magistrato davanti all’organo di autogoverno della magistratura, dice che “e’ giunta l’ora che i cittadini possano esercitare un controllo non solo sull’esercizio della giurisdizione, visto che le sentenze sono emesse in nome del popolo italiano, ma anche sui procedimenti disciplinari che determinano singolari spostamenti di magistrati, proprio alla luce degli ultimi accadimenti che hanno innescato sicuro allarme sociale”.

L’inchiesta della procura della Repubblica di Salerno, competente per i reati che coinvolgono magistrati del distretto di Catanzaro, coinvolge cinque persone e riguarda l’attivita’ della Procura della Repubblica di Castrovillari in merito all’affidamento alla ditta Stm del contratto finalizzato alla fornitura di apparecchiature per intercettazione. I reati ipotizzati sono corruzione e falso ideologico. Facciolla, secondo l’ipotesi investigativa, avrebbe ricevuto utilita’ per l’affidamento del servizio. Le altre persone indagate sono Vito Tignanelli, agente della Polizia stradale di Cosenza, amministratore di fatto della Stm srl e la moglie Marisa Aquino, titolare della societa’; il comandante della stazione forestale di Cava di Melis (Cosenza) Carmine Greco e un carabiniere, Alessandro Nota, in servizio nello stesso centro.

fonte: ildispaccio.it

SERVIZIO DI GIUSEPPE MAZZAFERRO
Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.