ECCELLENZA | SAN LUCA TRAVOLGE L’ISOLA CR E ALLUNGA IN VETTA

128

La partita condizionata dalle espulsioni di Cimino, Pellizzi per gli ospiti e Romeo per i locali Franzino sbaglia un penalty

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Dopo tre pari che avevano scatenato qualche malumore, il San Luca torna a vincere asfaltando l’Isola.

Un poker d’assi che non lascia spazio a nessun tipo di recriminazione da parte della squadra ospite, messa in ginocchio dopo soli tre minuti da un tocco del giovane Pelle in mischia. Una vittoria netta e pulita che se da un lato mette ancora una volta in risalto le qualità della capolista, dall’altro sottolinea e conferma le capacità tecnico – tattiche di mister Figliomeni che arretrando lo scatenato Romero per fare spazio in attacco al trio Bruzzaniti – Lazzarini – Romero, ha praticamente mandato in confusione i ragazzi del bravo Mancini, ieri apparsi molto nervosi e impacciati.

Partita bella soprattutto nel primo tempo, quando il San Luca ha prodotto le migliori giocate, ma in parte condizionata dalle tre espulsioni, tutte nel primo tempo. Cimino e Pellizzi per gli ospiti, Romeo il San Luca.

Pronti via e il San Luca al primo affondo passa. Franzino calcia il primo dei nove angoli calciati dal San Luca sul quale si avventa come un falco il giovane Pelle che di destro, il piede con il quale di solito cammina, la butta dentro. Cinque minuti più tardi, l’incontenibile Romero serve in area Pelle il quale a sua volta tocca per Crucitti il quale, in corsa e di prima intenzione costringe Lamberti a superarsi per deviare in angolo.

Al 14′ è la volta di Lazzarini che dopo aver superato due avversari spara alto da buona posizione. Gli ospiti si affacciano dalle parti di Callejo Lautaro soltanto al 25′ quando Leto con un magistrale calcio di punizione costringe il giovane portiere del San Luca a smanacciare prima sulla traversa e sulla ribattuta in angolo. Passano soltanto tre minuti e Lazzarini che con Bruzzaniti ha scambiato un infinità di palloni cade in area travolto da un avversario. Il rigore – siamo giunti al 28′ dopo uno strano siparietto con Franzino – viene calciato da Maviglia che spiazza il bravo Lamberti.

Una punizione di Franzino al 40′ viene neutralizzata in bello stile dal portiere. Al 43′ sempre Lazzarini viene travolto in area. È rigore ma Franzino non lo trasforma in gol. Poco da raccontare nella ripresa a parte i numerosi cambi, il gol al 76′ del nuovo entrato Mammoliti e quello finale di Bruzzaniti al 93′ dopo che lo stesso calciatore per ben due volte ha fallito la marcatura da buona posizione.

Antonio Strangio (Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.