5 Dicembre 2020

Presenti numerose scuole della provincia reggina ed i licei “Pizi” e “Piria”

Una grande preghiera, accompagnata dalla musica che sa parlare al cuore e all’anima della gente e nello stesso tempo un atto d’amore nei confronti di Mamma Natuzza, la mistica con le stimmate morta in odore di santità il 1. novembre del 2009 e della quale il 6 aprile è stata avviata la causa di beatificazione.

Ha voluto essere tutto questo, nel giorno del decimo anniversario della scomparsa della mistica, il concerto “Uniti agli angeli e ai santi. I giovani calabresi con Natuzza lodano Dio” tenuto nella chiesa della Villa della Gioia alla presenza del pubblico delle grandi occasioni. Una musica diffusa dagli impianti acustici anche lungo il viale della Salvezza e che ha quindi anche accompagnato i tanti fedeli in visita nel pomeriggio alla tomba di Fortunata Evolo.

Un vero e proprio concerto dello spirito, destinato a rimanere tra gli annali dei tanti eventi promossi negli ultimi dalla fondazione “Cuore Immacolato di Maria” che «Natuzza Evolo – ha sottolineato il presidente dell’ente morale Pasquale Anastasi nel ringraziare i tanti musicisti per la loro presenza – considerava la sua sesta figlia e la più amata».

L’evento – voluto dalla fondazione di Natuzza in collaborazione con il Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia, l’Orchestra intercomunale Tirrenium, l’Istituto comprensivo di Galatro-Feroleto della Chiesa e il Buffet Group Paris – ha avuto come direttore artistico il maestro Maurizio Managò e la partecipazione dei soprani Federica Lacquaniti e Maria Caterina Rottura. Le varie esibizioni sono state invece dirette dai maestri Michele Catalano, Bruno Carrera, Franco Castagnino, Francesco Conidi, Cosimo De Masi, Domenico Di Vasto, Salvatore Mazzei, Stefano Paone, Francesco Novello, Pino Salerno, Bruno Zema e dallo stesso Managò.

Diverse anche le orchestre presenti, tra cui l’associazione “Musica Insieme” di Gioia Tauro, l’Orchestra Giovanile di Laureana di Borrello, la Concert Band di Melicucco e l’Orchestra di Fiati “Giuseppe Rechichi” di Oppido Mamertina.

All’evento hanno dato la loro entusiastica adesione anche numerose istituzioni scolastiche: per la provincia reggina “Pentimalli” di Gioia Tauro, “De Zerbi-Milone” di Palmi e “Francesco Jerace” di Polistena, gli istituti comprensivi di Laureana di Borrello, di Galatro-Feroleto, di Melicucco e di Rizziconi, nonché gli istituti d’istruzione superiore “Nicola Pizi” di Palmi e “Raffaele Piria” di Rosarno. Un corale atto d’amore verso Natuzza Evolo.

(fonte gazzetta del sud)

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.