TENTA IL SUICIDIO DOPO ANNI DI VIOLENZE IN FAMIGLIA: ORA È IN STATO VEGETATIVO, ARRESTATO IL PAPÀ

597

L’uomo è accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Il suo comportamento violento avrebbe anche indotto la figlia 16enne a tentare il suicidio nel giugno scorso

Una brutta storia con un epilogo che avrebbe potuto avere una fine ancor peggiore. Protagonista – suo malgrado – una giovane ragazza, di appena 16 anni, con una situazione familiare di forte “disagio” dovuto, per lo più, ai presunti e continui maltrattamenti subiti non solo da lei stessa ma soprattutto dalla mamma e dall’altro fratello anche lui minorenne (almeno fino a poco tempo fa).
Le offese quasi quotidiane sul suo aspetto fisico e da parte del genitore asseritamente violento e, forse, un momento di debolezza, la voglia chissà di farla finita con quella vita che potrebbero averla spinta a tentare il suicidio, impiccandosi. Un tentativo che non andrà a buon fine ma la ragazza sarà tristemente segnata subendo con quel gesto estremo una lesione gravissima che ora la costringe in uno stato vegetativo post-anossico.

La vicenda si sviluppa nel centro storico di Crotone. Un agglomerato di case, tra i vicoli dell’antica cittadina pitagorica. È lì che vive la famiglia pakistana ed è lì che nella scorsa estate, era il 28 giugno, intervenne una pattuglia delle Volanti, allertata dell’accaduto, e che proprio per l’impossibilità di far passare da quelle strette viuzze un’ambulanza si incaricò di soccorrere direttamente la ragazza e di portarla fino in ospedale, dopo averla raccolta tra le braccia disperate della mamma e del fratello.
Da quell’episodio sono partite le indagini della squadra Mobile del capoluogo, con l’aiuto dei colleghi delle volanti e dell’Ufficio Minori dell’Divisione Anticrimine, che sono arrivati a raccogliere una serie di gravi indizi a carico del papà della giovane, un venditore ambulante 46enne, pakistano (da anni residente a Crotone), finito in carcere.

Gli inquirenti gli contestano i reati di maltrattamenti in famiglia con l’aggravante di aver commesso il fatto in presenza e in danno dei figli minorenni, ma anche le lesioni personali, in questo caso aggravate per aver provocato un indebolimento permanente all’organo della masticazione della moglie, dopo averle fatto perdere un incisivo, nel corso di una lite. Stessa donna che anche durante la gravidanza sarebbe stata fatta cadere addirittura dalle scale.
Ma, tra i reati, anche l’istigazione al suicidio delle figlia che – come dicevamo – sarebbe stata sottoposta per anni a dei gravi maltrattamenti, costringendola così a vivere in uno stato perenne di timore.

L’uomo è stato però arrestato qualche giorno fa, mercoledì scorso, e all’aeroporto di Fiumicino. Al momento dell’esecuzione della misura cautelare a suo carico la mobile aveva infatti appreso che il 46enne si trovava in Pakistan.
Così gli investigatori crotonesi si erano tenuti sempre in contatto con i colleghi della Polizia di frontiera della scalo capitolino ed una volta avuta notizia del suo rientro in Italia, appena sbarcato dall’aereo è stato subito fermato e preso in consegna dai colleghi dell’ufficio di Frontiera e poi trasferito nella Casa Circondariale di Civitavecchia.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.