ECCELLENZA | DEFLAGRA LA CRISI DEL LOCRI “MANITA” DELLA MORRONE

223

Tutto facile per i cosentini. Doppietta di FerraroSquadra di casa molle e senza idee Contestazione dei supporter alla fine del match

 La latente crisi del Locri si è materializzata col crollo interno con la Morrone, che ha messo in evidenza le grossolane lacune dell’undici di Scorrano. Al netto di pur evidenti criticità di alcune decisioni della terna arbitrale, il risultato dipende quasi esclusivamente dalla pochezza di gioco e di idee del Locri, ora quasi in zona play-out. I cosentini di Stranges, comunque, davanti a un Locri impacciato, hanno sciorinato buone e ordinate trame di gioco, con Mazzei in cattedra in mezzo al campo.

La cronaca. Parte in avanti la Morrone e si rende pericolosa al 5′ con un’incursione di Casella e di nuovo al 9′ con Gueye, ma le azioni sfumano. Occasione Locri al 10′: converge Le Piane da sinistra, ma il tiro è respinto dal portiere; crossa Foti al 14′ e gli amaranto protestano per un presunto fallo di mano in area di Nagore ed a seguire sono pericolosi due volte gli ospiti con Gueye prima e Novello poi. Fuori un destro dal limite di Libri al 23′ e al 27′ l’arbitro fischia un penalty per il Locri per fallo su Le Piane, ma l’assistente aveva già segnalato un off-side dello stesso Le Piane. Vantaggio Morrone al 32′: punizione di Mazzei e Franza respinge, irrompe Ferraro e realizza; raddoppio ospite al 42′: sulla ripartenza va via Gueye; Franza respinge miracolosamente il tiro da due passi, ma interviene Casella e segna. Bella parata di Bance su Le Piane al 43′ e nella ripresa si riapre la gara al 5′: spinta su Zampaglione e penalty per il Locri, destro dello stesso giocatore e rete. Terza rete ospite al 19′: crossa Novello e Ferraro, tutto solo, segna facilmente. Il fallo su Zampaglione in area al 21′ sembra più netto del precedente, ma l’arbitro lascia correre. Quarta rete al 40′: dal nuovo entrato Azzinnaro a Leta, che segna da due passi. Si chiude con un fallo di Franza (espulso), su Azzinnaro: penalty e Granata realizza, con l’esordiente Schiavello (2003) tra i pali.

Carmine Barbaro

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.