LA “SARDINE” RICORDANO PIAZZA FONTANA E «DANNO VOCE ALLA CALABRIA CHE NON SI LEGA»

161

Un centinaio di per persone, nonostante la pioggia battente, si sono ritrovare in Piazza Matteotti, nel cuore del capolugo, per ricordare il 50° anniversario della strage. Tra di loro anche Jasmine Cristallo: «Oggi riaffermiamo la nostra identità antifascista»

Un centinaio di persone ha partecipato questa sera a Catanzaro a una manifestazione delle “Sardine” in memoria delle vittime della strage di Piazza Fontana. Nonostante la pioggia battente che per tutto il pomeriggio ha colpito la città, i manifestanti hanno presidiato Piazza Matteotti, nel centro di Catanzaro intonando più volte “Bella Ciao”. Tra i presenti, Jasmine Cristallo, referente regionale del movimento delle “Sardine”, che ha così illustrato l’iniziativa. «Oggi – ha detto – a 50 anni dalla strage di Piazza Fontana a Milano, riaffermiamo la nostra identità antifascista e i valori a fondamento della Costituzione. Il ricordo delle stagione eversiva e delle stragi nere si intreccia con l’attualità di una Italia e di un’Europa attraversate da pericolose istanze razziste e antidemocratiche. Siamo l’altra Calabria, quella che – ha sostenuto la Cristallo – vuole dare voce a chi non ne ha; siamo la Calabria che chiede speranza, riscatto e rinascita e ci affidiamo a quel meraviglioso inno alla libertà che è ‘Bella ciao’”. La Cristallo ha anche evidenziato che «questa giornata ha un valore particolare anche per Catanzaro, che è fortemente legata ai fatti di Piazza Fontana, ospitando per anni una fase del processo,un processo infinito e costellato da tante ingiustizia. Oggi – ha sostenuto la referente regionale delle ‘Sardine’ – rafforziamo la memoria, da rilanciare senza rancore ma come base per un impegno e per una volontà di ribellarsi all’odio e alle derive sovranista». La manifestazione in ricordo delle vittime di Piazza Fontana si è tenuta a poche ore di distanza dalla tappa catanzarese dell’odierno tour in Calabria del leader della Lega Matteo Salvini, in occasione della quale tuttavia non sono state organizzate iniziative di protesta e di contestazione: la Cristallo, che a maggio fu l’ispiratrice della cosiddetta “rivolta dei barconi” contro l’allora ministro dell’Interno sceso a Catanzaro per un comizio per le Europee, ha spiegato: «Non abbiamo voluto dare importanza alla calata di oggi del ‘secessionista pentito’, se poi è davvero pentito, perché per noi oggi – ha rilevato la referente regionale delle ‘Sardine’ – è importante il contenuto simbolico e sostanziale di questa giornata di memoria alle vittime di Piazza Fontana, che è quello di non vuole più accettare l’odio, che non appartiene al nostro Paese. Ma in ogni caso, con questo presidio vogliamo comunque raccontare e raccontiamo – ha concluso la Cristallo – la Calabria che non si lega». Alla manifestazione hanno preso parte, tra gli altri, anche i sindaci di alcuni Comuni del Catanzarese, Davide Zicchinella (Sellia), Vincenzo Marino (Pentone), Salvatore Paone (Maida) e Mario Talarico (Carlopoli), e il consigliere comunale di Catanzaro, Gianmichele Bosco: da segnalare poi anche la presenza dell’attore Enzo Colacino e del musicista Danilo Gatto, che ha datò il la ai cori di Bella Ciao che hanno scandito più volte il presidio. (a.cant)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.