APPELLO FINALE DI PIETRO SERGI (TESORO CALABRIA) IN VISTA DELLE REGIONALI DI DOMENICA

113

Oggi si chiude la Campagna elettorale per le Regionali, tornata elettorale per la quale sono Candidato Consigliere nella lista “Tesoro Calabria” per Carlo Tansi Presidente. Nel mio piccolo e senza sponsor, quindi con limitate possibilità economiche, ho cercato comunque di girare soprattutto nelle periferie della Locride, dove da ottobre a gennaio abbiamo organizzato 4 convegni dal titolo “Locride: tra burocrazia e abbandono del territorio. Convegni che si sono svolti, nell’ordine, a Natile Nuovo, Benestare, Platì e San Luca. A Benestare e Platì, i convegni, molto partecipati, sono stati preceduti da sopralluoghi in punti simbolo dell’abbandono e del degrado del territorio dovuto al dissesto idrogeologico. In tutti e 4 i convegni ha relazionato il Dottor Carlo Tansi, che ringrazio per la disponibilità. Ho scelto di non fare il “porta a porta” in quanto sono certo della consapevolezza dei miei concittadini, soprattutto di Natile, che mi conoscono e sanno che quando ci sono problemi di qualsiasi genere che riguardano il nostro Paese e il nostro territorio sono sempre in prima fila nel denunciare e sensibilizzare sui tanto, troppi problemi che ci attanagliano. Ho scelto di incontrare i Cittadini delle periferie come Senoli, di usare i Social, di imbrattare il meno possibile i muri e di non stalkerizzare Cittadini già parecchio arrabbiati e perfettamente in grado di capire e decidere. Ho cercato, nei due confronti televisivi che ho fatto, di denunciare i problemi e di illustrare le nostre proposte. Ho fatto comizi in piazza, ma il mio impegno non è solo in campagna elettorale perché i problemi li ho sempre evidenziati in ogni occasione che mi si è presentata, da candidato o semplice Cittadino o attraverso la mia Associazione Culturale, “Spiriti Liberi Calabresi” insieme alla Vicepresidente Anna Zappia e al Segretario, Katia Rocca. Chiudo questo consuntivo con qualche breve nota programmatica.

Lavoro: finché non avremo il coraggio di dire che se non riaprono le assunzioni in Calabria Verde non avremo grosse possibilità di occupazione faremo solo chiacchiere al vento. Siamo sotto organico e il territorio frana man mano che le risorse umane del comparto diminuiscono. Poi, certo, assunzioni nella Sanità e in altri comparti strategici come il Turismo. Senza lavoro i nostri giovani continueranno ad emigrare e la Calabria ad impoverirsi. Anche nel comparto rifiuti ci sarebbe molto lavoro se questa piaga infinita venisse finalmente affrontata con serietà e voglia di risolvere il problema con soluzioni innovative, semplici e realizzabili.

Sanità: finché non avremo il coraggio di dire che la Sanità privata è in mano alla Politica e che, quindi, ha interesse che non funzioni la Sanità Pubblica faremo solo chiacchiere al vento. La Sanità è commissariata da anni con risultati DISASTROSI da ogni punto di vista: qualità dei servizi; rientro dal debito; ricoveri extra-regionali, per i quali la Regione Calabria paga fior di quattrini alle Regioni ricche, costringendo i Cittadini Calabresi ad andarsi a curare altrove, spesso, quasi sempre, da eccellenti medici calabresi. Quindi la Sanità pubblica va riportata nelle mani della BUONA Politica e di ottime competenze che ci sono ma vengono emarginate. Mentre quella privata va strappata dalle unghie della cattiva Politica che se ne è impossessata per lucrarci sopra e lasciata in gestione di chi ne ha competenza. 

Burocrazia: è inconcepibile che una Regione che ha il decimo di popolazione della Lombardia abbia ventitré dipartimenti che si occupano delle stesse cose mentre la Regione Lombardia ne abbia nove. A questo sperpero si può ovviare con un firma, riducendo a otto i Dipartimenti che verrebbero resi funzionali ed operativi e non baracconi inutili con effetto scatole cinesi. Sempre sulla Burocrazia, le pratiche presentate in Regione avranno il GPS come i pacchi di Amazon e il loro iter verrà monitorato da una semplice e funziona “APP” sul telefonino della persona che presenta la pratica. Perché la burocrazia è il primo stadio della corruzione e del clientelismo.

Per chiudere, invito tutti i Cittadini Calabresi ad andare a votare perché se anche si asterranno saranno sempre e comunque governati da chi manovra i pacchetti dei voti manovrabili da interessi non sempre leciti. Bisogna votare e votare bene, cioè capire che l’occasione è storica e non possiamo renderci complici della volontà di chi ha interesse affinché nulla cambi. Per me, la Politica si fa così e non girando casa per casa, telefonando con toni spesso arroganti e invadenti o promettendo favoricchi di varia natura ed entità. Io voglio fare ciò, se avete fiducia in me e in noi, e soprattutto nel Dottor Tansi, che ha già dimostrato di cosa è capace nella Protezione Civile, andate a votare e votate la lista “Tesoro Calabria”. Buon voto a tutti!

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.