ENTUSIASMO PER PIPPO CALLIPO A MAIDA. «OCCASIONE UNICA PER LIBERARSI DELLA VECCHIA POLITICA»

127

Partecipato incontro nel Catanzarese con amministratori locali e cittadini. «I signori delle preferenze che hanno trovato spazio nel centrodestra hanno sempre sfruttato il bisogno, ma stavolta i calabresi possono rialzare la testa. Nessuno dovrà più andare alla Regione accompagnato dall’onorevole o dal notabile di turno»

Cresce giorno dopo giorno l’entusiasmo attorno a Pippo Callipo. Il candidato alla Presidenza della Regione ha partecipato stasera a un incontro pubblico a Maida, nel Catanzarese, nella sala del Castello Normanno, un luogo suggestivo e ricco di storia che risale all’anno 1000.
Affiancato dal primo cittadino di Maida Salvatore Paone, dai sindaci di Cortale (Franco Scalfaro, che è anche presidente dell’Unione dei Comuni “Monte Contessa”) e Iacurso (Ferdinando Serratore) e dal candidato al Consiglio regionale Francesco Muraca (“Io resto in Calabria”), Callipo si è sottoposto ancora una volta alle numerose domande “senza filtri” che gli hanno posto i cittadini e gli amministratori locali intervenuti all’incontro. «Con Callipo – ha detto il sindaco Paone – abbiamo un’occasione unica: spezzare lo schema del voto clientelare di chi passa da uno schieramento all’altro per conservare la poltrona».
Molta attenzione è stata dedicata ai problemi dei paesi dell’entroterra, dalle gravi condizioni della viabilità interna all’emergenza sanità. Pippo Callipo ha come sempre ascoltato le voci raccolte sul territorio e ha ribadito: «Non vengo a fare promesse elettorali anche perché non ho la bacchetta magica per risolvere tutti gli annosi problemi che mi vengono posti. Ma vi garantisco che nessuno dovrà più andare alla Regione accompagnato da un politico o da un notabile per vedere riconosciuto un suo diritto. Nella mia vita – ha aggiunto Callipo – ho corso molti rischi e ci sono stati momenti difficili, ma non ho mai preso scorciatoie. I “signori delle preferenze” che hanno trovato spazio nel centrodestra hanno sempre sfruttato il bisogno della gente, ma stavolta i calabresi – ha concluso – hanno veramente l’opportunità di rialzare la testa e di liberarsi dei metodi imposti dalla vecchia politica».

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.