GIUSEPPE NUCERA: “OPERAZIONE ‘HELIANTHUS’, LEGALITA’ E SVILUPPO UNICA VIA D’USCITA PER LA CALABRIA”

159

“Con la recente operazione “Helianthus” la Dda di Reggio Calabria ha eseguito 14 ordinanze di custodia cautelare eseguite nei confronti di capi, luogotenenti ed affiliati della ‘ndrangheta reggina. 

La lotta alla malavita organizzata -sottolinea Giuseppe Nucera, ex Presidente di Confindustria Rc e oggi ideatore del Movimento ‘La Calabria che vogliamo’- ha rappresentato un tassello fondamentale del mio mandato da presidente di Confindustria.

Alcune di queste sono state l’avvio della collaborazione con l’associazione ‘Libera’ in relazione alla costituzione dello sportello antiracket, la sospensione delle imprese interessate dal provvedimento di interdittiva da parte della Procura e gli incontri con gli imprenditori vittime di mafia e protetti dallo stato.

Ricordo con piacere -le parole di Nucera- l’incontro con l’ex questore di Reggio Calabria, Raffaele Grassi. La sua presenza in un direttivo di Confindustria stava a significare la vicinanza tra istituzioni e il mondo imprenditoriale, vicinanza che è emersa anche alla luce dei racconti relativi all’indagine  “Helianthus”.

Il procuratore Bombardieri ha spiegato di come siano state decisive le denunce dei vari imprenditori, stanchi di subire soprusi. Le azioni di Confindustria Rc contro la ‘ndrangheta hanno contribuito a far si che gli imprenditori del nostro territorio avvertissero il sostegno delle istituzioni cosi da avere il coraggio per denunciare.

Come deliberato all’unanimità dal direttivo durante il mio mandato, sono certo che Confindustria si costituirà parte civile nei processi che riguardano imprese vittime di ‘ndrangheta, così da testimoniare ulteriormente e in modo concreto il sostegno a chi purtroppo finisce in trappola.

“Senza legalità non c’è sviluppo e senza sviluppo non c’è legalità”, questo lo slogan che ha accompagnato il mio percorso da presidente di Confindustria e credo sia questa la strada che bisogna continuare a seguire, senza dimenticare la reputazione.

Reggio Calabria -conclude Nucera- deve liberarsi di queste catene che la opprimono, per riuscirci dobbiamo sostenere i nostri imprenditori così da dare ulteriore forza all’ottimo lavoro svolto dalle forze dell’ordine“.

UFFICIO STAMPA LA CALABRIA CHE VOGLIAMO

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.