5 Dicembre 2020

Lupacchini trasferito a Torino per aver criticato l’operazione di Gratteri. Sgarbi si schiera dalla parte del Pg di Catanzaro: il suo discorso alla Camera

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi hanno chiesto alla Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura di trasferire d’ufficio il Pg di Catanzaro Otello Lupacchini. Ospite su Tgcom24 pochi giorni dopo il maxi-blitx da 330 arresti, aveva lamentato la scarsa collaborazione della Dda guidata da Gratteri. Non ci sta l’on. Vittorio Sgarbi, che in un discorso alla Camera ha denunciato l’accaduto, schierandosi dalla parte di Lupacchini. “C’è una grave emergenza democratica nella giustizia grazie all’indifferenza delle istituzioni e alla stessa azione asimmetrica contro l’autonomia della magistratura del ministro Bonafede -ha esordito Sgarbi-. E’ stato infatti revocato e trasferito a Torino il procuratore Lupacchini, la cui azione irreprensibile ha indicato la verità. Su 330 arrestati, e lo sanno bene gli amici del Pd, 90 sono stati scarcerati dopo un’azione spettacolare di oltre 4000 esponenti delle forze dell’ordine e dopo un grande polverone giudiziario. Lupacchini ha solo detto la verità. Nessun provvedimento è stato preso contro il procuratore Gratteri, in favore di una pubblicità che non è legata alla verità dell’azione ma ad una azione volta all’umiliazione dei calabresi, quando egli ha dichiarato “sto derattizzando la Calabria con la scimitarra e per riuscirci ho bisogno di non rispettare le regole. Sono un eversore, a me le regole non interessano”, detto di fronte ad una scolaresca”, ha così concluso Sgarbi.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.