Dom. Mag 9th, 2021

La vittima, un’estetista cubana, colpita con ben quindici coltellate I due erano andati a convivere nella stessa giornata del ferimento. Folle gelosia: Giancarlo Martelli prontamente arrestato dai Carabinieri.

Sono ancora considerate gravi, anche se stazionarie, le condizioni di salute di G.P., 27 anni, estetista cubana, che a Locri nella tarda notte dell’Epifania è stata accoltellata con ferocia, al culmine di un litigio, dal giovane fidanzato di appena 18 anni, Giancarlo Martelli, di Locri, arrestato dai Carabinieri con l’accusa di tentato omicidio.

A seguito di una relazione sentimentale che ormai andava avanti da alcuni mesi, Martelli e la sua fidanzata avevano deciso proprio la mattina dell’Epifania di convivere insieme in un attico situato a Locri in un condominio in via Foggia. A distanza di meno di 24 ore dalla decisione di convivere sotto lo stesso tetto la folle e violenta aggressione, per motivi legati verosimilmente alla gelosia dell’uomo, nei confronti della fidanzata, l’estetista cubana ridotta in fin di vita con circa 15 coltellate tra collo, torace e addome. La giovane, viste le sue gravi condizioni di salute, è stata per circa 24 ore ricoverata nel reparto di Rianimazione e terapia intensiva, diretto dal dott. Nuccio Macheda, e nel pomeriggio di ieri trasfertita nel reparto di Chirurgia vascolare del Grande ospedale metropolitano di di Reggio Calabria. Dopo un primo e decisivo intervento in laparoscopia eseguito all’ospedale di Locri dall’equipe medica coordinata dal dottor Domenico Freno, la donna è stata trasferita a Reggio Calabria. Qui la vittima dell’accoltellamento, viste le gravi e diverse ferite in più parti del corpo e in particolare al torace e alla carotide, è stata sottoposta ad alcuni interventi chirurgici da parte di specialisti del settore (dottori Antonino Alberti, Vittorio Alberti, Rugolo, D’Ambrosio, Enzo Battaglia e Nicola Loddo).

Sul piano strettamente investigativo è emerso che i Carabinieri della compagnia di Locri, allertati anche da alcune telefonate giunte al 112, sono intervenuti poco dopo la mezzanotte dell’Epifania nel condominio di via Foggia, dove hanno trovato, riversa sul pianerottolo antistante la mansarda, la 27enne estetista ferita con numerose coltellate in varie parti del corpo. La donna, prima di essere trasferita a Reggio, è stata quindi subito soccorsa e trasportata d’urgenza all’ospedale di Locri. Nel frattempo i Carabinieri, avendo ricostruito in tempi da record quello che era successo dentro e fuori l’appartamento, si sono subito dati da fare per individuare l’autore del folle e violento accoltellamento. Nel giro di pochissimo tempo il giovane locrese Giancarlo Martelli è stato individuato dai militari nascosto all’interno di un’intercapedine sotto il tetto della stessa abitazione dove poco prima lo stesso giovane, in preda ormai ad un vero e proprio raptus omicida, aveva accoltellato la fidanzata. Al momento dell’individuazione e del contestuale arresto, Martelli, secondo quanto evidenziato dai Carabinieri, aveva ancora addosso i vestiti sporchi di sangue. L’interrogatorio di garanzia di Giancarlo Martelli, assistito dall’avv. Giuseppe “Pino” Mammoliti (gip Sergio Malgeri, pm Marzia Currao), è previsto per oggi pomeriggio.

Sulla gravissima e triste vicenda è intervenuta, con una nota, la presidente della Commissione regionale per le pari opportunità, Cinzia Nava: «Quotidianamente si registrano questi atti non qualificabili. Tante volte si è chiesto l’intervento delle istituzioni perché il fenomeno crudele potesse essere affrontato con azioni volte ad eliminarlo. E tante sono le leggi emanate in merito. Ma ancora le donne continuano a morire o a rischiare la vita per mano di chi dice di amare. Bisogna intervenire prontamente e preventivamente.  Agire formando i giovani al sentimento e al rispetto ed a considerare la donna alla pari e non un oggetto da distruggere quando non risponde ai desideri».

ANTONELLO LUPIS

SERVIZIO DI NICODEMO BARILLARO
Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.