“LOCRI ON ICE BABY”, DIVERTIMENTO E IMPEGNO SOCIALE

355

Stasera si parlerà di manovre salvavita destinate ai più piccoli

Prosegue l’attività natalizia di “Locri on ice Baby”, un evento che, anche col favore del meteo, continua ad attirare le famiglie con bambini di tutto il territorio con le sue attività culturali e ludiche. Dopo i laboratori d’arte e i concerti, “Locri on ice Baby” sta dedicando questa settimana agli incontri con le famiglie, sui temi del diritto, dell’istruzione e della salute. Dopo aver trattato il diritto all’istruzione dei bambini con il laboratorio “Un sacco di storie”, messo in piedi dal costituendo gruppo “Nati per leggere”, e aver ballato con la “Full Dance Calabria” del maestro Cristian Pelle, l’evento prosegue con l’animazione della “Combriccola dell’allegria” con lo spettacolo “Aspettando la befana” e con la tombolata beneficenza per Labor Locride. Intanto ieri sera l’Unicef Locri e l’associazione de “I Girasoli della Locride” dello Special Olympics hanno dedicato la serata interamente all’integrazione. È arrivata anche la compagnia “Il lentiforme” con artisti di strada e si è anche rappresentato lo spettacolo “Aladdin”.

Per oggi alle 17, invece, patrocinato dall’Ordine delle ostetriche di Reggio Calabria, “Locri on ice Baby” ha organizzato un incontro con le famiglie dal titolo “Incontro Bimbi sicuri: dalle manovre salvavita al defibrillatore”. Conduttore dell’iniziativa sarà il pediatra Roberto Trunfio insieme ad alcuni medici ed istruttori del SIMEUP (Società italiana di medicina emergenza urgenza pediatrica). Anticipando l’argomento il dottor Trunfio, facendo riferimento ai casi di soffocamento e da inalazione da corpo estraneo e a tutte quelle manovre rianimatorie cardiopolmanari in caso di arresto, ha sottolineato come «le manovre salvavita sono di grande importanza per risolvere nell’immediatezza il soccorso in situazioni di vera e propria emergenza-urgenza. Manovre semplici – ha sottolineato – che una volta apprese resteranno per sempre impresse nella mente».

Con Trunfio vi saranno anche istruttori qualificati il cui compito sarà coinvolgere tutti i presenti e soprattutto gli operatori sanitari, i giovani genitori, i nonni, gli insegnanti, gli istruttori di palestre e tutti gli educatori che lavorano in luoghi frequentati da minori. «L’obiettivo – afferma il medico – è imparare a comportarci per aiutare chi potrebbe avere bisogno e soprattutto imparare a farlo senza essere presi dal panico».

A seguire, si svolgeranno il “MigliaMarathon 2020” , iniziativa legata alla Maratona di Milano che servirà a sponsorizzare una raccolta fondi finalizzata a realizzare un parco giochi integrato e la Tombolata di beneficienza per Labor Locride.

fonte gazzetta del sud

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.