MIGLIAIA DI CALABRESI IN PIAZZA PER IL CAPODANNO. LE FESTE DI COSENZA E CATANZARO

316

Circa 5mila per il concerto di Clementino nel centro storico. Piene anche le vie del centro nella città dei Bruzi. Il sindaco Occhiuto sul palco: «Anno difficile ma il lavoro continua con nuovi progetti». Catanzaro balla con i Sud Sound System e Nesli. Abramo: «Serata speciale»

La tradizione continua, e i cosentini, come accade dal 2000, scendono in piazza per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Tanta gente per le strade del centro e piazza XV Marzo piena per il concerto di Clementino (sopra nella foto di Federico Treggiari), che ha intrattenuto il pubblico con i suoi pezzi più noti quando la mezzanotte era già trascorsa da un po’. Nonostante il freddo pungente in tanti si sono riversati nelle vie della città dei Bruzi anche dall’hinterland, per quello che ormai è un appuntamento tradizionale. Sul palco per un saluto prima dell’esibizione del rapper napoletano, anche il sindaco Mario Occhiuto. Che ha parlato di «un anno difficile per la città», non dimenticando però di annunciare «nuove attività per il 2020, per offrire un futuro migliore a Cosenza e ai suoi giovani», ricordando che «il Capodanno a Cosenza non è soltanto un evento ma anche una vetrina riconosciuta a livella nazionale».
Poi la festa – iniziata con i 911 alle 23,30 e proseguita con il dj set di Agovino e Nandjno – è continuata davanti a circa 5mila persone fino a tarda notte sotto l’occhio vigile delle forze dell’ordine: imponente, come al solito, il servizio approntato da polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale.

LA PIAZZA DI CATANZARO Oltre trentamila persone – secondo gli organizzatori – hanno invaso Catanzaro per il grande concerto di Capodanno 2020. Sull’imponente palcoscenico allestito davanti alla Basilica dell’Immacolata, nel cuore del centralissimo corso Mazzini, per dare il benvenuto al nuovo anno l’ Amministrazione Comunale ha voluto i Sud Sound System & Bag a Riddim Band, Briga, Nesli e gli Opera Dance Music. Doveva essere un grande evento capace di attrarre a Catanzaro giovani e meno giovani da varie parti della Calabria e così è stato, con la piazza stracolma già prima della mezzanotte. Nel cuore della prima notte dell’anno, a fare esplodere Catanzaro sono arrivati poi i Sud Sound System & Bag a Riddimi Band. Lo storico gruppo salentino, leader indiscusso del raggamuffin e del dancehall reggae, combinazione di ritmi giamaicani e sonorità locali, come l’uso di pizzica e tarantella, ha contagiato tutti d’entusiasmo e d’energia, fino a trasformare Piazza Prefettura e tutto Corso Mazzini in un’immensa discoteca, un’autentica polveriera di allegria. Alle 03.30, infine, a chiudere la notte catanzarese introdotto dal conduttore Tonino Trapasso, è arrivato Nesli, pseudonimo di Francesco Tarducci, fratello minore di Fabri Fibra. «Un Capodanno davvero speciale», ha commentato con soddisfazione il sindaco Sergio Abramo arrivato dopo la mezzanotte nel backstage a porgere i suoi auguri a tecnici e artisti.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.