5 Dicembre 2020

«Le criticità si aggravano , è un’amministrazione totalmente negativa»

Pesante intervento del circolo di Forza Italia nei confronti della Commissione straordinaria, insediatasi nell’agosto 2018 e appena “prorogata” di ulteriori sei mesi. «Rimane – osserva Forza Italia – la delusione nell’intera cittadinanza per l’impronta totalmente negativa che questo nuovo corso ha dato alla vita della comunità. Dobbiamo constatare, con grande amarezza, – scrive ancora – che i numerosi problemi che abbiamo puntualmente portato all’attenzione, sia della precedente che dell’attuale amministrazione prefettizia, sono tutti irrisolti e il rammarico dei cittadini è quello di vedere un paese che non trova energie e stimoli per uscire dal buio in cui si trova da tempo relegato».

«La realtà conferma – aggiunge il circolo di FI – che nessun passo avanti è stato fatto da quando, lo scioglimento della giunta Fuda per infiltrazioni della criminalità, ha portato gli attuali funzionari statali ad amministrare questa città. Le criticità si sono moltiplicate e aggravate di giorno in giorno e non vediamo, ad oggi, nessuna volontà tangibile di mettere in campo azioni per porre rimedio a problemi sempre più evidenti e preoccupanti».

Si parte dai rifiuti «che si accumulano sempre più numerosi per le vie del paese e nulla è stato fatto per fare in modo di scovare gli incivili che, mai censiti per non pagare la relativa tassa, rimangono nell’ombra». Forza Italia ricorda di aver suggerito di incrociare i dati relativi alle utenze domestiche (elettricità, gas, acqua ecc.) per verificare l’esistenza di immobili fantasma che producono immondizia illegalmente abbandonata per strade, proposta rimasta inascoltata.

Poi FI si sofferma sulla chiusura del Centro Polifunzionale che versa in condizioni di gravissimo degrado: «La struttura è un luogo di vergogna per una comunità che da sempre l’aveva considerata motivo di vanto rispetto ad altre realtà pure importanti. Erbacce, sporcizia, incuria hanno preso possesso dell’area e il suo utilizzo si è ridotto esclusivamente a deposito dei mastelli della raccolta differenziata. Perchè non si pensa ad affidarne la gestione, previa regolare gara, a coloro i quali se ne dichiarassero interessati?»

C’è poi la questione dello stadio comunale, «anche questo da sempre considerato un vero fiore all’occhiello, oggi è stato relegato, da questa amministrazione, a deposito di materiale e utensili vari, con l’impossibilità di renderlo fruibile ai cittadini, anche solo per poche ore al giorno. I lavori di adeguamento, da tempo programmati, non hanno avuto inizio, tranne per lo smontaggio e smaltimento della copertura in eternit della tribuna».

Ci sono poi strade e marciapiedi «che versano in condizioni indecenti” e la pratica del Piano strutturale «importante strumento di pianificazione urbanistica, che giace ferma oramai da anni nonostante l’iter progettuale e i relativi professionisti siano già stati individuati». A ciò si aggiunge l’approvazione del Piano spiaggia «che rimane una chimera nonostante la complessità della pratica amministrativa sia alla portata di un ente dotato di dirigenti nominati dall’attuale gestione commissariale». Infine FI ricorda i grossi problemi della Diga, del teatro, della Bp, della Casa della salute, della carenza dell’illuminazione pubblica, dei servizi comunali e dell’annoso problema della pista ciclabile: problemi per i quali «nulla è stato concretamente fatto».

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.