CORONAVIRUS: PER “SCONFIGGERLO” APPELLIAMOCI A SAN ROCCO

745

Supra sta bella terra cumparsi ‘nu Santu
ca’ fu mandatu da lu Spirutu Santu,
‘ndì lu mandau l’amuri Divinu,
Santu Roccu lu pellegriu…
Viti ca lu mali esti vicinu,
si u potimu alluntanari
a Santu Roccu ‘ndavimu a pregari.
Cu la dici sta preghera,
liberatu è di pesti e culera,
Cu la dici di cuntinu,
Santu Roccu è so’ pellegrinu.
Cu la dici cu gran fidi,
Santu Roccu lu provvidi.
Cu la dici cu devuzioni,
Santu Roccu dà protezioni.
E nui sempri ripetimu,
viva San Roccu lu pellegrinu,
e nui sempri cantamu forti,
viva San Roccu finu a la morti.

…”Un’epidemia diventa pandemia in men che non si dica. E veicola il terrore. Nessuno può sottrarsi almeno al pensiero che possa accadere vicino, sempre più vicino.
Nella preoccupante situazione di una epidemia che si sta diffondendo, tutte le prevenzioni e i mezzi umani di contenimento e di cura sono indispensabili, ma il cristiano non può dimenticare che la visione delle cose, illuminata dalla sua fede, esige anche l’implorazione dell’aiuto di Dio attraverso l’intercessione della S. Vergine e dei Santi “ausiliatori”.
San Rocco è stato l’esempio perfetto di come comportarsi difronte agli appestati e contagiati.
E noi ci rivolgiamo a Lui come nostro Santo protettore affinché interceda presso l’Altissimo in questo momento di angoscia per la diffusione della infezione da coronavirus”.

TRATTA DALLA pagina fb GIOIOSA JONICA (RC)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.