4 Dicembre 2020

Saranno processati con rito abbreviato tutti gli imputati coinvolti nel procedimento sull’omicidio di Nicola Colloca. Fu ucciso e bruciato vivo nella sua auto nel 2010

Processo con rito abbreviato per tutti gli imputati coinvolti nel procedimento penale che mira a far luce sull’omicidio di Nicola Colloca, l’infermiere 48enne dell’ospedale di Vibo Valentia ucciso e bruciato vivo nella sua Opel Corsa ed il cui cadavere è stato ritrovato carbonizzato il 25 settembre del 2010 in una pineta di Pizzo. Processo quindi per Caterina Gentile, 50 anni, moglie della vittima, e Luciano Colloca, 28 anni, figlio dell’infermiere, Michele Rumbolà, 64 anni, di Vibo, Caterina Magro, 43 anni, nata a Vibo, ma residente a Terni; Nicola Gentile, 56 anni, di Vibo e Domenico Gentile, 44 anni, di Arena, cognati di Nicola Colloca. Sono tutti accusati di concorso in omicidio e distruzione di cadavere. Favoreggiamento personale l’accusa nei confronti dei coniugi Domenico Antonio Lentini, 58 anni, e Romanina D’Aguì, 54 anni, di Vibo Valentia. La vittima sarebbe stata uccisa per questioni legate all’eredità. Le indagini sono state condotte dai carabinieri.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.