L’AUTORITÀ GARANTE PER LE COMUNICAZIONE (AGCOM) SANZIONA IL COMUNE DI LOCRI

516

L’Agcom con delibera n.65/20 Cons ha sanzionato, dopo segnalazione al Prefetto di Reggio Calabria del Movimento Scelgo Locri, l’Amministrazione Calabrese per violazione dell’art.9 della legge 22/02/2000 n.28 che disciplina le attività di informazione e comunicazione delle pubbliche amministrazioni durante le campagne elettorali.

Il provvedimento sanzionatorio è stato emesso a seguito della segnalazione alla Prefettura di Reggio Calabria, effettuata dal movimento a sostegno del gruppo consiliare di minoranza SCELGO LOCRI, che aveva sollevato l’illegittimità della lettera con cui chi occupa attualmente il Palazzo Comunale dichiarava la “scesa in campo dell’amministrazione comunale invitando nel contempo i cittadini a sostenere il vice sindaco Raffaele Sainato candidato nelle liste di Fratelli d’Italia”. Si ricorderà, infatti, che in piena campagna elettorale tale lettera era stata recapitata al domicilio di tutti gli elettori residenti in città.

L’Autorità garante, debitamente attivata dal Prefetto Mariani, nonostante le controdeduzioni inviate dal sindaco Calabrese alla prefettura e al Corecom, ha ritenuto l’attività promossa dall’ente come: “propagandistica a favore della candidatura del vice sindaco Sainato attraverso una chiara indicazione di voto”. Pertanto l’Agcom ha ordinato al Comune di Locri di pubblicare immediatamente e per 15 giorni sul sito del Comune un messaggio di non rispondenza della lettera inviata ai cittadini dal gruppo “Tutti per Locri” a quanto previsto dalla legge. Con richiesta aggiuntiva di urgente comunicazione all’Autorità garante da parte del Comune di Locri di avere ottemperato al presente ordine deliberativo per il comportamento illegale.

A questo punto considerata l’inopportuna e per nulla ironica invettiva di Calabrese che aveva diffuso un comunicato con il quale aveva considerato “tra le più folkloristiche uscite della storia politica italiana la censura del Movimento Scelgo Locri” chiedendo al capogruppo consiliare di Scelgo Locri di “sostituire il pool di esperti giuridici al fine di evitare ulteriori e pessime cantonate”, non ci resta che chiedere a lui la sostituzione di chi supporta l’ente nel continuare a violare le norme di legge.
Da tempo andiamo sostenendo che c’è un problema di legalità che riguarda l’amministrazione della città di Locri, che in molti campi ha perso la fondamentale bussola che dovrebbe orientare la pubblica amministrazione verso il bene comune ed il rispetto delle norme di legge rispetto gli interessi di parte.
Rileviamo, infine, che in questi giorni la sovrintendenza scrive, la Prefettura scrive, il Ministero dell’Interno scrive, la Corte dei Conti scrive per cui ci domandiamo se gli Amministratori sappiamo leggere!

Ad ogni buon fine il collegio tecnico legale che supporta il gruppo Consiliare e il Movimento “Scelgo Locri”, considerato il sentimento civico che anima tutta l’opposizione cittadina, si rende disponibile a fornire in maniera totalmente gratuita contributi e ausili all’ente comunale su tematiche amministrative e procedurali per evitare ulteriori cantonate da parte degli attuali amministratori.

SERVIZIO DI GIUSEPPE MAZZAFERRO
Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.