LOCRI (RC) : AL “MAZZINI” IL PROGETTO ROTARY “EDUCARE I GIOVANI”

118

“Educare i giovani: sentimenti e valori” è il tema affrontato nei giorni scorsi dal Rotary Club di Locri in un partecipato convegno che si è tenuto presso il Liceo linguistico e delle scienze umane “G.Mazzini” di Locri. L’incontro sviluppato sulle “sfide ambientali del ventunesimo secolo” nell’ambito di un apposito progetto rivolto ad alunni delle III classi, ideato e coordinato dalla prof.ssa Carmelita Mittoro, già docente di Lettere classiche e socia rotariana, particolarmente apprezzato dal Dirigente scolastico Francesco Sacco. è giunto alla seconda annualità. Ha come finalità generale quella di educare e sensibilizzare i giovani ai sentimenti e ai valori e rientra nel programma del Rotary Club quest’anno guidato dal presidente Giovanni Pascale. Nel corso dell’incontro è stato evidenziato il rapporto uomo-natura con lo scopo di suscitare una coscienza civile e ambientalista nei nostri giovani.
Si è ritenuto importante, infatti, illustrare alle nuove generazioni, distratte spesso o fuorviate da una tecnologia invasiva, i rischi collegati a una disinformazione o alla mancanza di cultura per tutto ciò che riguarda la Natura e il pianeta Terra. L’approccio alla delicata tematica è avvenuto in una prima fase attraverso una serie di incontri suddivisi in quattro moduli di carattere filosofico, artistico , letterario e antropologico, nella convinzione che la cultura sia propedeutica ad una nuova educazione ambientale, per far recuperare sensibilità e contatto autentico con la natura, e per far sentire i giovani parte attiva e responsabile di una comunità capace di condividere uno spazio unico, che è, quindi, da difendere e rispettare con azioni concrete e quotidiane. La seconda fase ha registrato la collaborazione di Movìmundi movimundi, movimento ambientalista formato da professionisti e artisti, attivo sul territorio della Locride nella diffusione delle problematiche ambientali. la relazione di base dell’incontro è stata, infatti, tenuta da Liliana Ielasi, portavoce del movimento, la quale ha relazionato, in un auditorium gremito di studenti, di docenti e di esterni, sulle principali sfide ambientali cui è chiamata l’umanità nei prossimi decenni non solo per salvare il pianeta ma anche la vita stessa degli esseri umani. E’ intervenuto anche l’imprenditore Santo Panzera, il quale ha fatto un’interessante riflessione scientifica sul destino delle api, a rischio di sopravvivenza a causa dei cambiamenti climatici e dell’insipienza umana. Il progetto -è stato annunciato- continuerà con un concorso rivolto a tutti gli allievi del Liceo e che avrà come tema, da svolgere con varie modalità, tecnologiche o artistiche, “Natura e ambiente nel territorio della Locride: bellezze e degrado”.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.