3 Dicembre 2020

Piano spiaggia pronto entro fine mese, si cercherà di “affidare” centro polifunzionale e piscina. Palasport finito in primaveraÈ stato annunciato che ci sono speranze per Siderno di ottenere per il 2020 la “Bandiera Blu”

In un incontro nella sala del consiglio comunale con la partecipazione dei rappresentanti delle varie associazioni cittadine, organizzato dalla Consulta comunale presieduta da Ersilia Multari, la presidente della Commissione straordinaria Maria Stefania Caracciolo ha fatto il punto sullo stato delle 10 priorità che erano state segnalate in occasione del 1. Meeting della Cooperazione tenutosi lo scorso ottobre. La viceprefetto Caracciolo ha riconosciuto che la soluzione di queste priorità qualificherebbe l’immagine di Siderno, anche e soprattutto dal punto di vista turistico, e per questo motivo la commissione è impegnata «con costanza e incisività» per giungere alla loro soluzione.

Piano Spiaggia. Sullo strumento urbanistico, indispensabile in una cittadina a vocazione balneare, sta lavorando l’ing. Lorenzo Surace: sarà pronto entro la fine di febbraio. È stato anche annunciato che ci sono speranze per Siderno di ottenere, per il 2020, la “Bandiera Blu”: una possibilità frutto anche delle numerose giornate ambientali organizzate dalle associazioni, che è ampiamente rendicontato in una corposa relazione.

Centro polifunzionale. Nelle settimane passate è stato pubblicato il bando per l’affidamento. La ditta aggiudicataria sconterà i lavori di ripristino (stimati in circa 400.000 euro) della struttura, purtroppo abbandonata da anni, con i previsti canoni di locazione. Resta la necessità che si trovino ditte interessate, in modo di restituire alla città uno storico centro di aggregazione per le famiglie.

Piscina. Analoga iniziativa – ha precisato la presidente Caracciolo – verrà intrapresa per la Piscina, anche se non è stata fornita alcuna data atteso che sono ancora in fase di quantificazione i lavori occorrenti per la riapertura, che si spera avvenga al più presto. La piscina coperta oltre che per la sua importanza dal punto di vista sportivo, rappresenta un sicuro volano di sviluppo economico ed è destinata a servire una vasta utenza proveniente dal comprensorio.

Il Palazzetto dello Sport. Sarà finalmente inaugurato entro la primavera. Resta il nodo della gestione che con ogni probabilità sarà affidata, secondo criteri e modalità ancora da stabilire, alle associazioni sportive.

Albergo sul lungomare. In merito all’albergo sul lungomare, non completato da decenni, è stato riferito, senza indicazione di una data precisa, che gli uffici del Comune stanno procedendo per far sì che possano essere ripresi i lavori. Se tale circostanza sarà confermata, il completamento della struttura darà un nuovo volto al lungomare e fornirà un prezioso contributo per fronteggiare la carente ricettività Alberghiera.

Rete museale di Siderno Superiore. L’importante bando di finanziamento dell’importo di 1,2 milioni presentato dalla precedente Amministrazione è stato ammesso alla prima selezione. Si resta in attesa che vengano superate le altre fasi burocratiche.

Lo stadio comunale. E stato oggetto di sopralluogo, oltre che dai tecnici comunali, anche dai delegati del Coni. L’iter dei lavori è in corso ed è seguito anche dalle associazioni sportive. Il progetto prevede, oltre il rifacimento della pista di atletica, il rinnovo integrale dell’impianto.

Aree verdi. E’ stata effettuata la mappatura delle aree verdi comunali e si sta concludendo la redazione di schede descrittive dei lavori necessari. Già diverse associazioni e privati hanno dato la propria disponibilità per la cura ed il mantenimento di alcune aree e dovranno perfezionare le richieste secondo il vigente regolamento comunale.

Area dell’ex Bp.È stato indetto un bando per un progetto finalizzato alla messa in sicurezza dello stabilimento. Le opere previste consistono nella movimentazione dei rifiuti solidi e liquidi inquinanti presenti nell’area circostante.

Diga sul Lordo. È in corso il monitoraggio dell’area attraverso l’installazione di 24 piezometri per comprendere le cause del danno. Fatto chiarezza su questo aspetto resta la necessità che la Regione eroghi il necessario finanziamento.

Finalmente, insomma, arrivano le prime risposte e pare che ci sia la volontà di superare gli intoppi burocratici che sin qui hanno impedito la soluzione di tanti problemi.

ARISTIDE BAVA

SERVIZIO DI MARIA TERESA CRINITI
Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.