SPORT E CONOSCENZA CONTRO L’OBESITÀ

108

L’obesità è riconosciuta come una malattia potenzialmente mortale, riduce l’aspettativa di vita di 10 anni, ha gravi implicazioni cliniche ed economiche, è causa di disagio sociale. Per contrastare l’obesità infantile occorrono una sana alimentazione e una costante attività sportiva. Su questo tema di particolare rilevanza sociale e culturale si è tenuto nelle scorse settimane il progetto “Lotta all’obesità infantile” ideato dal Rotary Club di Locri per le scuole della Locride, che in questa edizione è stato svolto presso l’Istituto comprensivo di Bovalino, guidato dalla dirigente scolastica Rosalba Antonella Zurzolo. Il progetto ha coinvolto 109 studenti che insieme ai rispettivi docenti e genitori hanno avuto modo di conoscere le problematiche legate all’obesità infantile ma anche le possibili soluzioni, che passano anche attraverso la prevenzione.

Il maestro Vincenzo Ursino, ideatore del progetto e responsabile del settore “attività sportiva”, ha fornito i dati del programma svolto e realizzato un videoclip che ha ripercorso le varie tappe del progetto che ha coinvolto i suoi studenti. Giuseppe Mirarchi, quale responsabile “Alimentazione salute”, ha dispensato consigli sulle corrette abitudini alimentari. Il presidente del Rotary Club di Locri, Giovanni Pascale, ha portato i saluti del club service evidenziando le finalità dell’associazione che opera nel e per il territorio. Quindi il dott. Luigi Brugnano ha parlato della Rotary Foundation e delle affinità con il progetto. Infine l’assistente del governatore del Distretto 2100 del Rotary Gina Scordo ha portato i saluti del governatore Pascale Verre e si è soffermata sulla necessità che la formazione rivolta ai giovani debba proseguire.

Il progetto, come specificato nel corso dell’incontro, si è articolato su due moduli, quello dell’attività sportiva, e quello dell’alimentazione e della salute, con i quali viene dato supporto e formazione ai bambini, genitori e docenti, al fine di contrastare la malnutrizione infantile ed educare ad una sana alimentazione e all’attività sportiva.

r.m. – gazzetta del sud

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.