IL VESCOVO DI LOCRI GERACE, MONSIGNOR FRANCESCO OLIVA, EMANA ALTRE DISPOSIZIONI SUL CORONAVIRUS

1164

Riportiamo, qui di seguito, la lettera del Vescovo, poco fa divulgata:

Carissimi fratelli e sorelle,
Cari sacerdoti,
quando vi ho trasmesso il messaggio di Quaresima non si avvertiva la gravità
del contagio da coronavirus. Sento perciò di esprimere la nostra comune vicinanza ai tutti fratelli e
sorelle, che sentono più forte il pericolo del contagio o sono malati in casa o in ospedale. Nel corso della
visita pastorale ho raccolto la sofferenza di tanti, ma anche la loro viva fede. Esprimo vicinanza e
apprezzamento per il servizio di cura ed assistenza di tanti medici, infermieri e personale sanitario, molti
dei quali operano in condizioni difficili e con tanti rischi. A loro va il nostro grazie.
Siamo chiamati a vivere una quaresima particolare, che sconvolge tante nostre abitudini.
Seppure con tanta sofferenza ci viene chiesto un cambiamento di stile ed atteggiamenti prudenziali per
la salvaguardia della salute nostra ed altrui. Ci voleva il coronavirus per ravvivare la consapevolezza di
quanto siamo legati gli uni agli altri, nel bene come nel male. Siamo interconnessi al punto che se
vogliamo conservare la nostra salute non possiamo trascurare quella altrui. Se vogliamo vivere bene non
possiamo non prestare attenzione alla casa comune. Viviamo con uno sguardo aperto agli altri, quando
ci viene chiesto di astenerci da determinate azioni o di compiere determinati gesti. Facciamolo con lo
sguardo rivolto a chi ci sta più vicino. In questo tempo in cui la quaresima per molti si è trasformata in
quarantena obbligata, chiedo di pregare per tutti questi fratelli e sorelle ammalati. Viviamo nello stile
della carità concreta, che ci aiuta ad alimentare una relazione più intima col Signore. Soprattutto quando
ci viene richiesto di restare a casa.
Invito ad attenersi alle disposizioni che sono state date e che di volta in volta potranno essere
aggiornate. Le disposizioni che limitano o sospendono alcune manifestazioni religiose pubbliche, le
attività di catechesi e di oratorio o quelle svolte in locali parrocchiali e non, per quanto dure, sono in
linea con le regole impartite dalle Autorità civili. Sono disposizioni che vanno accolte come
un’opportunità di grazia, in modo da valorizzare il tempo a casa con momenti di preghiera personale o
di lettura/ascolto della Parola di Dio. I ragazzi e giovani del catechismo o che frequentano gli oratori
parrocchiali possono dedicare qualche ora al giorno al Vangelo, alla preghiera e a qualche buona lettura.
Mentre gli studenti che non potranno andare a scuola, avranno più tempo per lo studio personale,
recuperando materie e discipline scolastiche trascurate, facendo tesoro delle tante possibilità offerte dai
social network.
Importante è non perdere tempo, lasciandosi prendere dal panico e dallo scoraggiamento. In
tempo di coronavirus il Signore manifesta di essere vicino a chi soffre: conosce la radice del male che è
in noi e non ci abbandona. Ci marca stretto e ci dice: non chiuderti in te stesso, apprezza ancor più il
dono della vita tua e di quella altrui.
Quanto alle celebrazioni delle sante Messe che in certe circostanze saranno più partecipate, ci si
attenga a quanto già disposto con attenzione alle distanze per evitare gli assembramenti nel pieno rispetto
delle norme stabilite dal Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. Considerata l’alta

partecipazione che solitamente caratterizza la celebrazione delle esequie, dei trigesimi e degli anniversari
dispongo che tali celebrazioni abbiano luogo in forma strettamente privata, con i soli parenti stretti del
defunto, e le visite dei fedeli per esprimere le condoglianze siano limitate alla sola abitazione del defunto
avendo cura che non sia elevato il numero delle persone nei locali dell’abitazione dell’estinto anche
scaglionando gli ingressi.
Fermo restando che già sono stati vietate le condoglianze in chiesa ed all’esterno della stessa,
considerato che sono occasioni di grande partecipazioni, si faccia presente ai parenti del defunto che sarà
possibile solo la celebrazione in forma privata con la partecipazione dei parenti più stretti. È conveniente che ciò si scriva sui manifesti funebri “celebrazione in forma privata alla presenta dei solo parenti più
stretti”. Si aggiunga eventualmente: “È gradito il saluto in forma privata a casa”.
Molti fedeli, specie anziani e ammalati, possono seguire dalla loro case la celebrazione delle
Sante mese attraverso le emittenti private. Tra queste mi permetto di segnalare l’emittente cattolica
TV2000 (canale 28) dove tutti i giorni è possibile seguire: la Santa Messa alle ore 8.30, l’Angelus alle
ore 11.55, la Coroncina alla Divina Misericordia alle ore 15, il Rosario da Lourdes alle ore 18 e il Rosaria
a Maria che scioglie i nodi alle ore 20.
In questo momento particolare che l’Italia e le nostre chiese stanno vivendo è bene rimanere
uniti soprattutto nella preghiera.
Invoco l’intercessione della Beata Vergine Maria e dei nostri Santi Patroni, che, come c’insegna mola storia di nostri paesi, hanno sempre interceduto per noi presso il Padre e non ci hanno lasciati soli.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.