Mar. Ott 19th, 2021

A cura di Giuseppe Mazzaferro

Klaus Davi opinionista ed esperto di comunicazione di impresa è consigliere comunale di San Luca, ma ha scelto di non abbandonare Milano da quando è stata indicata come zona rossa ‘perché qui si svolgerà la madre delle battaglie. Se cade Milano cadrà tutto il paese” . “Noi pagheremo  comunque un prezzo altissimo. Noi del Nord interessati solo al business , agli affari e all’Expo. Noi il cuore produttivo del paese, ma anche diventati cinici e egoisti e menefreghisti, diciamocelo con franchezza. Questo virus ha anche tratti ‘politici’ ha colpito in primis il Nord,  il cuore produttivo. Anche se sia chiaro mutano e purtroppo avanzera’ al sud, in Africa, in India  e in Sud America. Lo so bene che rischiamo una strage in Calabria in Puglia e in Sicilia.  Ma  mi pare chiaro che, almeno per ora subliminalmente,  ad essere messo in discussione è un modello di sviluppo.”

D: Una analisi dura la sua…

R: Non sono un virologo. Non so come questo virus sia nato, ma la vulnerabilità di tutto il mondo industriale-tecnololgico mi pare più che conclamata. E non è per niente una cosa che mi rende felice, visto che con le aziende ci lavoro.

D: Siamo già a una prima  ‘narrazione del virus’?

R: Certo che si. Ci dimentichiamo le narrazioni sulle pestilenze e i virus del passato? Vogliamo ignorare come abbiano segnato la coscienza collettiva e orientato il consenso popolare ? Alimentato pregiudizi e pogrom di massa? Questo virus mina, a mio avviso almeno,   già profondamente il nostro fideismo nello sviluppo industriale e tecnologico illimitato e pone il tema delle disuguaglianze come assolutamente centrale. Ovviamente la politica potrà dare risposte diverse. Non sappiamo quali saranno.

D: Ha regione quindi de Magistris?

R: No. Il sud era già di fatto isolato, rimosso, cancellato. Non c’è alcun bisogno di sparagli. E’ ritenuto MORTO sia dal mondo della politica che dell’informazione. E gielo dice uno che sul territorio si è battuto non poco, come lei sa .

D: Ma perché con in post virus le cose dovrebbero cambiare?

R: Due sono le possibilità o i sopravvissuti apriranno gli occhi e lavoreranno  su soluzioni condivise con gli svantaggiati, o  siamo destinati agli egoismi di massa alla Trump con conseguenze sociali e politiche  incalcolabili. Senza contare cosa potrà provocare sul piano sociale per esempio  in Africa la diffusione del Covid 19.  

D: Una invasione di massa dell’Europa?

R: Chi può escluderlo ? Il virus ha reso palese una verità che tutti tendevamo  a rimuovere nel

dibattito politico : ossia ha dimostrato che, molto semplicemente,  i confini  non esistono.

D:Ma come proprio adesso che Salvini dice di sospendere  Schengen..

R:Salvini fa benissimo il suo lavoro. Ma mi pare chiaro che il virus

impone una sfida globale. La risposta a Salvini l’ha data lo stato di

Israele….che alle emergenze è preparato con tutto il rispetto molto più dell’ Italia.

D:Ossia?

R:Gli Israeliani hanno  già  annunciato  che se daranno vita  al vaccino lo ‘regaleranno’  anche agli Iraniani. Più di cosi… Non credo ci sia da aggiungere molto.

D:Quindi la sfida è globale?

R:Certo . I  capitomboli di Trump e Boris Johnson rischiano di rendere il

Sovranismo radicale (e non è certo il caso italiano)   addirittura grottesco. Nel giro  di 48 ore sono passati dal

‘negazionismo’  più becero ad alcuni   provvedimenti ‘stile Italia’. La  hybris li sta  per travolgere …non sappiamo ancora come finirà. Ma fare i superuomini col virus che incombe è alquanto rischioso.

D:Destra spacciata?

R:Tutt’altro. Vincerà le elezioni ma dovrà per forza ri-aprirsi ai

moderati…

D:Ma se Meloni gia’ tuona contro l’Europa?

R:Si, ma da persona intelligente quale è,   sa benissimo che solo l’Europa ci potra aiurare ad uscire dalla

catastrofe economica che ci aspetta….

D:Piu spazio ai moderati…

R:Assolutamente si. Tornano i gioco i mediatori sia  a destra – come Forza Italia e la componente riformista della Lega –   che  a

Sinistra , con la componente piu liberal del Pd.

D:La leadership  di Salvini a rischio?

R:No. Non credo. Ma con la spada di damocle dei finanziamenti europei ce lo vede a

minacciare l’uscita dall’UE? Saremo ridotti in macerie …saremo col

cappello in mano,…. chi di noi sarà sopravvissuto, perché c’è in ballo anche  questo, inutile negarlo,  sarà costretto a dire grazie a Ursula….

D:E la Cina?

R:Mi sembra già una delle  vincitrice della partita globale. La sua dittatura ha attirato le simpatie

di tutti per come ha getito la crisi. Ma le parole di Xi Jimping  sull’Italia 

fanno riflettere, e dovrebbero fare molto riflette soprattutto i sovranisti. ‘O vinciamo le sfide insieme globalmente  o finiamo male’ ha detto. Non so a voi, ma  a me è sembrato un messaggio politico…..

D:E il governo come lo vede?

R:Alcuni ministri sono di ottimo livello, ma penso che  Conte dovrebbe andarsene

 e Mattarella indire le elezioni subito dopo l’emergenza . Fare il contrario sarebbe una forzatura, un atto poco rispettoso della  democrazia.

D:Quindi potere alla destra?

R:Si, credo che faranno man bassa alle prossime elezioni. Avranno una grande missione da compiere  : il rilancio del Paese e trasformare

una tragedia in una opportunità, per quanto possibile.

D:Ce la faranno?

R:Si, le persone all’altezza ci sono. Ma cambierà l’agenda politica .

D:In che senso?

R:L’economia, la salute, il servizio pubblico  saranno  al centro di tutto. E se ci saremo salvati, o verremo affondati,  sarà grazie

a Cina, Europa e, oso dire,  anche grazie a   Trump che, scommetto, cambierà presto linea.  Solo una cosa.

D:Dica ?

R:Tra le tante stranezze del virus c’è stato

il quasi ‘mirato’  attacco al ‘modello Lombardo Veneto’ che , diciamocelo,  ne è  uscito a pezzi. Ci saranno molti interrogativi sulla sua efficacia  . E qui Attilio Fontana c’entra poco, perché si è trovato a gestire una condizione certamente non frutto della sua politica.

D:Cosa intravvede?

R:Non sono un magistrato, ma se lo fossi, potrei voler  capire fino a che punto la privatizzazione progressiva   della sanità decisa negli ultimi decenni   possa essere collegata al numero altissimo di morti nella nostra Regione. Ma ora è sicuramente  prematuro parlarne.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.