Lun. Gen 25th, 2021

Il movimento civico dopo il malore del sindaco Calabrese rimarca: «Cronica carenza di personale. Subito nuove assunzioni»

«Apprendiamo dalla stampa quanto accaduto al sindaco di Locri a cui va la nostra completa vicinanza ed esprimiamo la nostra gioia che tutto si sia risolto nel modo migliore». Ad affermarlo in una nota è il comitato “Difendiamo l’ospedale” di Locri che ritiene di fare alcune precisazioni in merito a quanto asserito dal primo cittadino il quale avrebbe dichiarato che “la Tac è pienamente operativa”.

«Dalle notizie a noi pervenute – si legge in una nota – purtroppo non tutti hanno avuto e avranno la sua stessa fortuna, in quanto, è vero che la Tac è funzionante (non presenta nessun guasto), ma non è operativa nell’arco delle 24 ore giornaliere a causa della atavica carenza di personale. Nel reparto di Radiologia, infatti, risulta essere presente solo un medico, che per quanto si impegni e lavori, non può obiettivamente coprire tutti i turni».

«Fino a qualche giorno fa, per ovviare a tale problema, effettuata la Tac sul posto, si inviava l’immagine a Polistena che, attraverso il teleconsulto, refertava il tutto. Nell’ultimo periodo, però, non è più possibile usufruire di tale servizio e, nei momenti di turno scoperti, è necessario trasportare fisicamente i pazienti a Polistena per effettuare la Tac e a Melito Portosalvo per le semplici radiografie».

«Da qui nasce la rabbia del comitato locrese, «nel non vedere garantito a tutti lo stesso servizio essenziale ed è per questo che, a gran voce, chiediamo che vengano al più presto integrato il personale con nuove assunzioni. Speriamo vivamente e al più presto di essere smentiti, sarebbe questa una splendida notizia di un processo di normalizzazione che ridarebbe la giusta dignità ai pazienti e agli operatori».

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.