5 Dicembre 2020

“Dopo molti anni a San Giorgio Morgeto è tornato a nascere un bambino, Vincenzo. Auguri a mamma Rosaria e papa’ Salvatore. Non farebbe notizia la cosa già per sè inconsueta se qualche ora prima di venire alla luce in casa propria, a Vincenzo non fosse stata negata un paio di ore prima, la possibilità di nascere in sicurezza all’ospedale di Polistena. In tempi di Coronavirus, ai novelli Giuseppe e Maria, rifiutati perché Maria la mamma non aveva fatto il fatidico tampone, e’ stata consigliata non una mangiatoia ma la loro casa. Chiamato dai famigliari, il 118 giungeva a San Giorgio ma da brava mamma “antica” Rosaria aveva già sul grembo il proprio bimbo. A quel punto mamma e bambino venivano portati in ospedale e stavolta tampone o non tampone accolti. Non entro in polemica ma quel tampone andava fatto prima e io stesso grazie all’aiuto di un collega lo avevo programmato, solo “per favore” per Lunedì ma Vincenzo non ha aspettato i tempi di una Sanità malata in maniera grave. Non parlo delle persone non accolte in pronto soccorso o in alcuni reparti o della radiologia che funziona a singhiozzo o degli ascensori rotti. O di tutto il resto che noi medici di base disarmati, siamo chiamati in questi giorni ad affrontare. Poi però abbiamo l’elisoccorso che ha aiutato a salvare una bimba. Questi siamo noi in tempo di coronavirus e non solo. E’ davvero scaduto il tempo dei piagnistei, tentiamo di entrare nel tempo dei diritti. Siamo tutti stanchi e demotivati ma per oggi benvenuto Vincenzo nato a San Giorgio Morgeto il 18 aprile 2020 anno di Coronavirus”. Lo annuncia su facebook il dottore di San Giorgio Morgeto, provincia di Reggio Calabria, Salvatore Valerioti.

 

Strettoweb.eu

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.