Dom. Mag 9th, 2021

“Mi sono convinto che, anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall’inizio.(…). Occorre armarsi di una pazienza illimitata…”
Antonio Gramsci, dalle Lettere dal carcere

Queste parole di Gramsci risuonano oggi più che mai appropriate e adattate alla situazione cauloniese. La CITTÀ è passata. Comunque vada a concludere, se vedrà conclusione, la vicenda Cannizzaro Scicchitano, a CAULONIA si è consumata e archiviata l’esperienza e l’ esperimento della “CITTÀ FUTURA”. Checché ne dicano gli attenti commentatori della TeleMia LaTv, o pochissimi altri, non vi sono stati vincitori e nemmeno soggetti che escono rafforzati. Il paese tutto ne esce stramortito e amputato. Come pure le urla artificiali e i rimproveri, diretti o per ammiccamenti, del vicesindaco non serviranno ad evitare la debacle. E, se non bastasse, le mie antenne sussurrano che, SEMPRE il PAESE, HA GIRATO LE SPALLE A QUESTA CITTÀ FUTURA. NE sono PIÙ CHE certo. Bene che vada si andrà avanti vivacchiando. La pagina oscura e lugubre del consiglio comunale del 27 aprile 2020 ha segnato il punto più basso dal dopoguerra ad oggi. INTANTO IL MALE OSCURO, LA PATOLOGIA, LA COAZIONE A RIPETERE, CHE AFFLIGGONO CAULONIA SI RICONFERMANO E PERSEVERANO. SI CHIAMA GIOCO E GIOGO DEL SILENZIO. Abbiamo fior di laureati, bocconiani, dottori, acculturati, avvocati, giornalisti e giornalistelli, ma uno straccio di respiro culturale, di afflato catartico e ottimista per il futuro non c’è e non lo vedo a breve. E a proposito di COVID 19, penso che quando torneremo nelle piazze e nelle strade, e gradualmente una certa normalità sociale si ristabilira’, ci ritroveremo in un contesto dove tutte, TUTTE! le carte si rimescoleranno e un NUOVO MONDO sarà. Nel bene come nel male. NOI SPERIAMO E CI ADOPERIAMO SEMPRE NEL BENE E PER IL BENE. SIAMO ADULTI E MATURI. E SIAMO CONTADINI, MURATORI E ZAPPATORI, E AL COSPETTO DI QUESTI POVERI “ALLITTIRATI” siamo fieri e orgogliosi di esserlo. Pensiamo pure che un po’ di zappa o cazzuola a questi ALLITTIRATI nostrani non farebbero affatto male.
Come pure riteniamo che le conventicole e i metodi del passato, dell’intrigo di gruppi contro altri gruppi, non farà il bene del paese. NON C’È LA POLITICA E NON C’È LA “VISION”. NON SI GENERANO “PROCESSI”.
A tal proposito voglio citare la “LAUDATO SII” di FRANCESCO, che consiglio a tutti di leggere, (si trova gratis su internet). dice FRANCESCO: “SI DIMENTICA CHE IL TEMPO È SUPERIORE ALLO SPAZIO. CHE SIAMO PIÙ FECONDI QUANDO CI PREOCCUPIAMO DI GENERARE PROCESSI, PIUTTOSTO CHE DI DOMINARE SPAZI DI POTERE. LA GRANDEZZA POLITICA SI MOSTRA QUANDO, IN MOMENTI DIFFICILI, SI OPERA SULLA BASE DI GRANDI PRINCIPI, E PENSANDO AL BENE COMUNE A LUNGO TERMINE” . PAGINA 137.
Io vedo in giro autoreferenzialità del potere e per il potere e per occupare spazi immediati. Senza lungimiranza e senza i GRANDI PRINCIPI.
Con mio grande rammarico.
buon primo maggio a tutti Bruno GRENCI
29 aprile 2020.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.