CORONAVIRUS, FASE2. STOP AL ‘LOCKDOWN’: SI POTREBBE PARTIRE DALLE REGIONI DEL SUD, CALABRIA IN PRIMIS

806

Mentre i contagi da Covid, in tutto il paese, sembrano avviarsi ad una fase di seppur lento decremento , si attende con ansia in Italia il momento in cui l’ormai metabolizzato lockdown possa essere messo alle spalle e le attività possano dunque tornare ad un briciolo di normalità, dando finalmente il via alla tanto attesa Fase 2 dell’emergenza.

 

Proprio di questo ha parlato, in una intervista rilasciata all’agenzia Agi, Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano, spiegando che l’attesa “riapertura” non potrà non essere, però, graduale, scaglionata e flessibile”.

Il Governo infatti è ora atteso alla prova del prossimo 13 di aprile, data in cui scadrà (per la seconda volta dopo il primo step che era stato fissato per lo scorso 3 aprile) il Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che ha prorogato le misure di contenimento del Coronavirus.

In tanti, tra esperti ed autorità, si sono sbracciati infatti nel sostenere che proprio dopo le festività pasquali – sebbene non esattamente dal giorno dopo – si potrebbe, e il condizionale in questi casi è d’obbligo, passare appunto alla cosiddetta “fase 2”.

Un dato sembra comunque certo, ovvero che i cancelli rimarranno chiusi per le scuole, così come le saracinesche di cinemapub o altri luoghi in cui siano inevitabili gli assembramenti o, ancora, per le manifestazioni sportive.

Si tratterà quindi di avviarsi verso un percorso graduale di “sblocco” delle attività lavorative e dei luoghi pubblici, salvo restando vincoli come il mantenendo del distanziamento sociale; così come sarà possibile fare una passeggiata o praticare attività sportiva.

Secondo Pregliasco, insomma, il lockdown dovrebbe allargare le maglie dapprima dalle regioni che sono state meno colpite dall’infezione virale, dunque, e statistiche alla mano, proprio da quelle del Sud, dove i casi sono pochi e definiti “tollerabili” già adesso.

Secondo i dati, e per esempio, in Molise non ci sono stati ieri nuovi casi di contagio, così come in Basilicata sono stati appena 9, in Sardegna 15, in Sicilia 52 e nella nostra Calabria “solo” 22.

Calabria che viene annoverata tra le aree meno colpite dal virus, insieme proprio a Molise (224 positivi in tutto), Basilicata (287), e Sardegna.

Il calcolo per definire le regioni che siano state più o meno affette dal virus nel Paese si basa sulla percentuale di positività dei tamponi eseguiti rispetto al numero di abitanti.

Quanto alla nostra regione, ad esempio, il risultato dimostra che sia quella di gran lunga meno afflitta dal Covid: qui sono stati eseguiti più tamponi, 13.633 in totale, rispetto ai 2 milioni di abitanti. Indici tra i più bassi anche quanto all’effettiva circolazione dell’epidemia, “appena” 817 contagiati, ovvero una percentuale del 6% di positivi rispetto ai soggetti controllati.

cn24tv.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.