REGGIO CALABRIA: AGGREDISCE AGENTI DELLA POLIZIA MUNICIPALE, PROCESSATO PER DIRETTISSIMA

284

Nella giornata di oggi, presso il tribunale di Reggio Calabria, con modalità videoconferenza, si è tenuta l’udienza di convalida del soggetto arrestato nella giornata di ieri dalla Polizia Municipale. L. A. di 56 anni, era stato tratto in arresto a seguito di una aggressione perpetrata ai danni di alcuni operatori della Polizia Locale, impegnati in un posto di controllo sulla s.s. 106, nella mattinata del 16. 04. 2020 e che aveva causato agli agenti ed agli ufficiali lesioni con prognosi dai 10 ai 15 giorni.

 

All’esito dell’udienza l’arresto è stato convalidato, perché eseguito nelle forme di legge; il giudice ha invece rigettato la richiesta di applicazione di misura cautelare avanzata dal P.M. Sempre nella tarda mattinata di oggi, il personale coinvolto nell’aggressione ha ricevuto presso il comando la personale solidarietà del sindaco Avv. Giuseppe Falcomatà e dall’Assessore alla Polizia Locale dott. Nino Zimbalatti i quali, plaudendo alla instancabile azione di tutti i componenti del corpo, hanno augurato ai malcapitati una pronto ritorno in servizio.

Durante la visita, alla presenza del Comandante è stato ribadito che con simili accadimenti non fermeranno la azione della Polizia Locale, anzi, sono il tangibile segno che l’attività del corpo, si stia facendo sempre più incisiva, è sempre maggiormente orientata a combattere ogni forma di illegalità in città.

Il comandante, Dott. Salvatore Zucco, ha inteso ringraziare non solo il personale coinvolto nella vile aggressione, ma tutti gli appartenenti al corpo, spronandoli a continuare sulla difficile ma irrinunciabile via della tutela della legalità, particolarmente complessa durante questo periodo di forzata quarantena. Il Comandante infine ha rivolto anche un pensiero di gratitudine ai vertici della Questura, immediatamente interessatisi alla vicenda attraverso tangibili segni di vicinanza.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.