3 Dicembre 2020

Riceviamo e pubblichiamo:

Educazione alla legalità
Al liceo Mazzini di Locri Videoconferenza “Giustizia e umanità, Liberi di scegliere”
I protagonisti del progetto, finalizzato a dare alternative di vita ai minori provenienti da famiglie della criminalità organizzata, incontrano gli studenti ed i docenti della scuola.

Locri, 6 maggio 2020: noi studenti del Liceo delle scienze umane e linguistico “G. Mazzini” abbiamo avuto l’opportunità, anche se soltanto in videoconferenza, di conoscere il giudice Roberto Di Bella, Presidente del Tribunale per minorenni di Reggio Calabria e il Dottor Ottavio Sferlazza, Procuratore della Repubblica al tribunale di Palmi, protagonisti del progetto di snesibilizzazione e tutela dei minori provenienti da famiglie della criminalità organizzata “Giustizia e Umanità, Liberi di scegliere”. Il convegno è iniziato con i saluti istituzionali del Dirigente Scolastico Francesco Sacco e della Professoressa Girolama Polifroni e la successiva presentazione del progetto da parte della presidente dell’associazione Biesse, Bruna Siviglia, che ha coordinato gli interventi dei partecipanti. Fra gli ospiti, presenti anche il maresciallo Decio Tortora e la moglie Marilena Romeo, referenti dell’Associazione “I Valori della vita”. Il tema principale è stato, inoltre, approfondito grazie alla proiezione del videoclip del film “Liberi di scegliere”, ispirato all’omonimo libro del Giudice Di Bella (con la partecipazione di Monica Zapelli); la trama, tratta da una storia vera, racconta di un ragazzo diciassettenne appartenente ad una famiglia radicata nella ‘Ndrangheta, con padre latitante e fratello carcerato già da 10 anni, madre consapevole e “orgogliosa” di tutto ciò e sorella, quasi coetanea del protagonista, costretta ad accettare le decisioni dei genitori. Il ragazzo riesce a salvarsi dal suo “destino” grazie ad un provvedimento limitativo nei confronti della potestà genitoriale, con conseguente affidamento ad una casa famiglia e con l’aiuto del giudice Di Bella, psicologi e assistenti sociali, riesce a costruirsi una nuova vita. Il protagonista, da adesso in avanti, comincia ad assaporare la libertà ed è proprio ciò a spingerlo a voler fuggire da ogni contesto criminale e dalla sottomissione indiscussa che il padre aveva stabilito su di lui. Attorno a questo importante tema, dare alternative di vita a questi ragazzi, si è sviluppata anche la videoconferenza con le relazioni da parte del Presidente Di Bella e, poi, del Procuratore Sferlazza, i quali ci hanno resi partecipi di molte vite cambiate grazie all’intervento della giustizia e dei servizi sociali e dei numerosi “aneddoti” mafiosi che hanno accompagnato la storia del nostro territorio e macchiato vergognosamente la nostra immagine. Grazie ai loro interventi abbiamo riflettuto molto sul valore della libertà e dell’onestà. E non è mancato, dopo le loro sagge parole, il momento delle domande da parte nostra che, ormai appassionati all’argomento, abbiamo potuto dare sfogo a dubbi e curiosità, mostrando grande partecipazione al dibattito. L’incontro, prima di giungere al termine, ha visto tutti i presenti uniti a cantare con passione l’inno di Mameli, dimostrando sentimento per la Nazione che, oltretutto, sta ancora cercando di risalire dalla pesante batosta epidemica. L’esperienza si è conclusa, con grande soddisfazione di tutti e con i saluti, prima dei parte dei ragazzi, poi del corpo docente ed infine dei magistrati.
Umberto Galea, classe III AES, Liceo Mazzini di Locri

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.