Lun. Mag 17th, 2021

Per il 70% e oltre dei lavoratori edili Calabresi in questa fase di emergenza sanitaria per il covid19 è stata fatta richiesta di Cassa integrazione. Questi sono i dati ufficiali riscontrati dalla FILLEA CGIL Calabria : dei circa 12000 addetti ufficiali in edilizia della nostra regione, infatti, le richieste di Cig riguardano almeno 8500 lavoratori con oltre 700 verbali di accordo sindacale sottoscritti da questa categoria. Tutte richieste con motivazione Covid 19, perché rispetto ad altri settori, ledilizia non è rientrata nei codici ATECO per cui era prevista la possibilità di lavorare e perché le norme di igiene e sicurezza previste dai Decreti, in edilizia, erano molto difficili da rispettare. Il rallentamento nel settore è partito già dalle prime settimane di marzo per poi arrivare a un progressivo e definitivo stop delle attività: «Proprio per i motivi legati alla sicurezza dei lavoratori, ledilizia è stata uno tra i primi settori a fermarsi, prima ancora che lo imponessero i decreti. E se da un lato questo stop delle attività ha rassicurato perché ha evitato la diffusione del contagio, dallaltro allarma perché cè una preoccupante e generalizzata diminuzione del reddito: almeno il 70% delle richieste di Cassa integrazione ha coinvolto aziende che hanno dichiarato limpossibilità di far fronte per problemi di liquidità allanticipazione del trattamento, affidandosi così al pagamento diretto che lInps sta corrispondendo in questi giorni ai lavoratori. È del tutto evidente che se in queste ore non si riuscirà a velocizzare i tempi di liquidazione e rendere operativi gli accordi che garantiscono liquidità a quei lavoratori a cui la cassa integrazione non è stata anticipata dalla propria impresa, le conseguenze economiche e sociali per i lavoratori saranno molto pesanti, già a partire dalle prossime settimane. Le Casse edile (Enti bilaterali delledilizia composti in modo paritetico da associazioni datoriali e sindacali) in questo momento di difficoltà hanno deciso a livello nazionale alcune misure che sono state adottate in tutte le regioni del nostro Paese, dallanticipo dellAPE (anzianità professionale edile) a quello del GNF per il periodo Ott- Dic 2019 che i lavoratori avrebbero percepito a Luglio 2020.Il nostro sistema bilaterale sta mostrando in questo momento di estrema difficoltà per il Paese e per il mondo intero, tutta la sua utilità con azioni di sostegno reale per lavoratori e imprese. Inoltre, proprio in questi giorni, il fondo sanitario nazionale (SANEDIL) ha predisposto lacquisto di un numero di mascherine sufficiente a coprire il numero di addetti regolarmente denunciato. La Fillea CGIL Calabria chiede a tutti gli organi preposti, in primis Prefettura e ITL, di vigilare sullattuazione delle misure, anche prescrittive, su Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro e alla Regione Calabria di voler convocare immediatamente un tavolo di coordinamento regionale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro a salvaguardia di tutti i lavoratori e della intera popolazione calabrese, sapendo già che la ripartenza che stiamo affrontando da qualche giorno dovrà essere un ritorno alla normalità graduale, perché sarà troppo importante mantenere a lungo una serie di abitudini e comportamenti finalizzati a contenere questo maledetto virus.
Catanzaro 6 Maggio 2020

 

Il Seg. Gen. Fillea Calabria

Simone Celebre

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.