DIAGNOSI: DOLORI INTERCOSTALI E IL PAZIENTE MUORE D’INFARTO

1038

Era in coda, per la seconda volta, al Pronto Soccorso

Nuovo presunto caos di malasanità all’ospedale di Locri. È stata aperta un’inchiesta sulla morte, per cause ancora da accertare, del 55enne Stefano Romeo residente a San Luca, sposato e padre di quattro figlie. Il decesso è avvenuto nel pomeriggio di martedì mentre l’uomo attendeva il proprio turno per essere visitato al Pronto soccorso, a distanza di alcune ore da un primo ingresso nel nosocomio locrese. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri di Locri, coordinati dal sostituto procuratore Marzia Currao, che ha disposto il sequestro della cartella clinica e della salma dell’uomo, operaio dell’azienda regionale “Calabria Verde”.

Dalle prime ricostruzioni effettuate, tutte ancora da riscontrare, Romeo nella tarda mattinata di martedì ha chiesto a un congiunto di accompagnarlo in ospedale perché lamentava un forte dolore al petto e lungo tutto il braccio e la spalla sinistra. Giunto al Pronto Soccorso del nosocomio di contrada Verga l’operaio sanluchese è stato messo in lista d’attesa e quindi visitato. Da quanto sembra il paziente oltre a raccontare tutti i sintomi che lo avevano portato a chiedere l’intervento sanitario avrebbe messo a conoscenza chi lo ha visitato dei problemi cardiaci avuti in passato, per i quali gli erano stati prescritti farmaci specifici. Il medico di turno dopo averlo visitato e disposto una radiografia avrebbe diagnosticato “dolori intercostali”. Romeo stato rimandato a casa con il consiglio di prendere qualche compressa di Voltaren e una pomata, qualora il dolore fosse proseguito.

Una volta rientrato a casa, e visto che il dolore al petto e al braccio invece di diminuire stava aumentando, Romeo è tornato in ospedale, dove gli è stato chiesto di farsi nuovamente registrare prima di essere chiamato per il controllo. Ma la visita medica non c’è stata perché nell’attesa si è accasciato sbattendo la testa. Per il 55enne non c’è stato più niente da fare.

Nel giro di pochi minuti al pronto soccorso sono giunti sul posto i carabinieri, che hanno iniziato le indagini. Nelle prossime ore la Procura dovrebbe nominare il medico legale che dovrà effettuare l’autopsia e chiarire le cause che hanno portato al decesso dell’uomo. Nel frattempo i familiari hanno proceduto alla nomina del proprio legale, l’avvocato Antonio Femia, per seguire da vicino le indagini. Stefano Romeo, molto noto in paese, in passato ha giocato nelle file della squadra di calcio “Asd San Luca”.

SERVIZIO DI NICODEMO BARILLARO

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.