PROBLEMA RIFIUTI: SECONDO IL SINDACO DI BOVALINO MAESANO, LA COLPA È DEGLI ALTRI

162

Come Amministrazione comunale vogliamo fare chiarezza sulla problematica rifiuti.
Comprendiamo le difficoltà e i disagi che proviamo anche come cittadini-utenti.
Stiamo sollecitando la risoluzione che dipende in gran parte dagli Enti sovracomunali come ormai chiaro vista la presa di posizione di tutti, ripeto tutti i sindaci, della città metropolitana di Reggio Calabria e non solo. Spesso leggo e ricevo telefonate di concittadini che fanno dei paragoni con altri comuni.
Ciò è importante e ci fa piacere perché ci serve per farci crescere e ci da l’occasione per alcuni spunti di riflessione.
Molti paesi limitrofi al nostro e non solo hanno iniziato la raccolta differenziata molti anni prima (alcuni da oltre 10 anni, alcuni 5 e cosi via).
Da questo ne consegue che questi comuni oggi hanno raggiunto, nel loro percorso virtuoso dell’avvio della raccolta differenziata, una percentuale di rifiuti differenziati molto elevata (di molto superiore al 55-60%). Pertanto, primo motivo per cui questi comuni sono più puliti è che i rifiuti indifferenziati ad esempio sono ridotti quasi ad un terzo rispetto a Bovalino. Secondo motivo per cui sono più puliti è rappresentato dal fatto che, nel loro percorso virtuoso, hanno anche un centro di raccolta comunale ossia l’isola ecologia dove possono eventualmente stoccare temporaneamente dei rifiuti prima del conferimento (in parole semplici ad esempio possono raccoglierli dagli utenti e “parcheggiarli” prima del conferimento).
Detto ciò per esprimere giudizi e fare paragoni occorre tenere conto di questo.
Che certamente non solo alibi ma la verità dei fatti.
● Bovalino ha avviato la raccolta differenziata su tutto il territorio comunale solo dal settembre 2018 (gradualmente da marzo 2018) con quest’amministrazione.
Pertanto ancora non è concluso il secondo anno di avvio di questo nuovo sistema di raccolta.
● Bovalino non ha un centro di raccolta comunale (isola ecologia) conforme, regolare e adeguato. L’amministrazione più volte ha chiesto contributi e/o finanziamenti per risolvere il problema consapevole del fatto che la stessa struttura, anche in situazioni di emergenza, potrebbe essere importante ma ancora non è riuscita ad ottenerli.
Ho voluto precisare alcune cose per spiegare quali sono i motivi per cui nel nostro paese è più visibile la situazione di emergenza rifiuti.
● In tutto questo dobbiamo anche dire che Bovalino ha una popolazione di oltre 9.000 abitanti e pertanto è molto più popolato di tanti altri comuni.
● infine abbiamo la piaga degli incivili che ancora oggi buttano la spazzatura in alcune zone del paese nonostante le telecamere e le sanzioni applicate. Pertanto, il problema per Bovalino si risolve così:
•noi amministratori cercheremo di risolvere le problematiche sopra evidenziate e cercheremo di migliorare il servizio
• dall’altro lato è necessario che tutta la popolazione continui a differenziare sempre più al fine di ridurre il più possibile i rifiuti indifferenziati. Solo così ne usciremo per come merita Bovalino. È un percorso virtuoso e ognuno dobbiamo lavorare per questo obiettivo.
Ps. Ovviamente non anticipo i dati della percentuale raggiunta da Bovalino nel 2019 (primo anno di effettivo riferimento visto che nel 2018 su tutto il territorio comunale la raccolta differenziata era stato avviata solo a settembre) di raccolta differenziata perché stiamo attendendo il riscontro ufficiale di Arpacal, ma credetemi ci saranno delle piacevoli sorprese che devono renderci tutti orgogliosi ma allo stesso tempo coraggiosi a fare sempre di più!
Non molliamo!!!

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.