SIDERNO (RC): SU UN NUOVO POSSIBILE DISSESTO FINANZIARIO INTERVIENE L’EX ASSESSORE ANTONIO COMMISSO

284

Le voci su un nuovo possibile dissesto finanziario a Siderno butta nello sconforto la cittadinanza e preoccupa non poco i partiti politici locali. Negli ultimi dieci anni, se si escludono gli spezzoni amministrativi di Ritorto e Fuda, la maggior parte del tempo il comune è stato gestito da commissari di Governo.
La domanda che molti si fanno è: quali attività di sanificazione finanziaria e che tipo di gestione sono state fatte in questi anni?
Sotto gli occhi di tutti la condizione della città, abbandonata su tutti i fronti, senza nessun dato su quelle che sono state le linee guida dei nostri amministratori Commissari pro tempore. L’unica cosa che è palese a molti cittadini è l’irrigidimento burocratico e la quasi totale chiusura del dialogo tra la città ed i funzionari che amministrano.
Le uniche occasioni di confronto con l’operato dei nostri governanti si sono ridotte a semplici comunicazioni senza nessun dialogo o interlocuzione, nemmeno a fini ricognitivi, con gli attori principali della città, associazioni di ogni categoria e partiti politici.
Gli spifferi che parlano di una subdola volontà da parte di questa triade commissariale di dichiarare il dissesto finanziario dell’ente destano moltissime preoccupazioni nella comunità. Se così fosse ci si chiede come sia stato possibile approvare rendiconti di bilanci afferenti all’ultima amministrazione democraticamente eletta e successivamente, a distanza di un solo anno, valutare l’ipotesi di dichiarare l’ipotesi di un ennesimo default? Cosa potrà essere successo in un anno?
Staremo a vedere. Ma la sensazione che lo stato, rappresentato dai commissari, stia seminando trappole nella macchina amministrativa è ormai più che palpabile. Il rischio è di rendere nullo qualsiasi futuro apporto politico amministrativo sul fronte della gestione del comunale.
Al netto di tutte queste considerazioni una cosa è certa. Il rapporto tra il comune ed i cittadini dovrà cambiare RADICALMENTE. Dovrà cambiare la concezione che i cittadini hanno della cosa pubblica ed in particolare dei tributi comunali. Solo così i servizi potranno essere il vicendevole frutto tra un cittadino che paga le tasse ed una macchina amministrativa che garantisca efficienza nei servizi offerti. Riavvicinare le istituzione ai cittadini sarà la vera grande sfida che impegnerà nel prossimo futuro ogni forza politica al nobile fine di risollevare finalmente la nostra città.

 

Antonio Commisso fb

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.