SIDERNO : SI PREPARANO ANCHE I BALNEARI DA DOMANI RIPRENDE LA “VITA”

276

La bandierà blu ha già segnato l’inizio di un percorso positivo . E’ di questo avviso la presidente della Commissione straordinaria Maria Stefania Caracciolo che , dopo aver espresso la sua soddisfazione per l’ambito riconoscimento ottenuto dal Comune di Siderno, sta valutando una serie di iniziativa per dare “immagine” alla città e cercare, anche in questo delicato momento di coronavirus con tutte le incertezze che esistono sulla imminente stagione balneare , di creare una ventata di ottimismo anche in seno agli imprenditori turistici locali. Il primo atto è previsto per lunedi . La Viceprefetto ha dato comunicazione di aver convocato gli operatori del settore balneare per organizzare subito le attività conseguenti alle decisioni appena prese in sede di Governo , sula base delle linee guida della Regione Calabria. Un incontro che era molto atteso dagli imprenditori balneari che – lo ricordiamo – pochi mesi addietro si sono riuniti in associazione e con il presidente Domenico Figliomeni attendevano proprio l’incontro con la commissione straordinaria per fare le dovute valutazioni sull’immediato futuro . Non sarà tutto rose e fiori perchè l’incertezza della stagione in fatto di presenze turistiche e le ristrettezze imposte dal Governo in fatto di spazi e di obblighi per la sicurezza peseranno anche dal punto di vista economico sugli imprenditori balneari ma c’è la voglia , e anche la necessità perchè alcuni di questi imprenditori vivono solo di questo , di ripartire al piu’ presto e certamente dall’incontro di lunedi tutti usciranno con le idee piu’ chiare. Per il resto in città esiste un notevole fermento anche tra i commercianti, i titolari dei Bar e i ristoratori. Tutti si stanno attrezzando per le riaperture previste per lunedi e alcuni bar hanno già riaperto effettuando i servizi adesso consentiti, ovvero con le consumazioni esterne o con l’asporto. Le difficoltà maggiori sembrano incontrarli i ristoratori per le quostioni delle distanze previste dal nuovo decreto. Per loro sarà un vero e proprio punto interrogativo non tanto e non solo per la drastica riduzione dei posti a sedere a cui sono soggetti quanto anche per il timore che la gente non è assolutamente pronta al tipo di restrizioni previste e -diciamolo pure – non è neppure ancora propensa a questo tipo di frequentazione. Probabilmente sarà necessario un periodo di “rodaggio” prima di una vera e propria ripresa. Comunque ormai ci siamo; la fatidica data del 18 maggio è a un tirto di schioppo e da domani si vedranno, in maniera concreta, i primi risultati di questa attesa seconda fase.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.