VILLA PIANGE LA SCOMPARSA DEL PROF. DOMENICO CRIMI

396

Villa San Giovanni piange la scomparsa del professor Domenico Crimi, docente in pensione, scrittore e giornalista.

Una grave perdita per la città dello Stretto, che oggi si scopre più povera sotto l’aspetto umano e sotto l’aspetto culturale.

Mimmo Crimi se n’è andato proprio nel giorno della Festa del lavoro, il primo maggio, chiudendo la sua esistenza fatta anche e soprattutto di lotte sindacali in difesa dei diritti di tutti i lavoratori.

Una persona, Mimmo Crimi, stimata e conosciuta per garbo, educazione, sensibilità, altruismo, professionalità e preparazione.

Dal mondo sindacale a quello politico, fino all’associazionismo nelle sue molteplici forme, tantissime le attività nelle quali ha profuso impegno e dedizione.

Una delle più grandi passioni di Mimmo Crimi, se non la più grande, il giornalismo, l’ha visto impegnato dagli esordi, in Sicilia, sua terra d’origine, fino a qualche tempo fa, come collaboratore di Villaedintorni. Per oltre un ventennio ha raccontato Villa San Giovanni e i comuni limitrofi in qualità di corrispondente de “Il Quotidiano della Calabria” (oggi “Quotidiano del Sud”), occupandosi sin dalla nascita del giornale di fatti di attualità, cronaca, sport e altro ancora. Un corrispondente sempre sul posto, in prima fila per seguire l’evento di turno e poi scrivere per la pubblicazione del giorno dopo. Un giornalista presente, perennemente al servizio del territorio e pronto ad accogliere segnalazioni e istanze sui vari problemi, diventando così portavoce di tanti anni di storia villese. Storia recente e storia passata, anche con il libro “Villa San Giovanni nel mondo del lavoro. Ieri e oggi”, dove il prof. Crimi scrittore e giornalista ha raccolto, realizzando un accurato lavoro di ricerca e approfondimento, informazioni e testimonianze inedite sulle principali attività produttive locali dal dopoguerra in poi.

Adesso spetta alla città di Villa San Giovanni fare tesoro del grande esempio di vita lasciato dal prof. Crimi, il cui impegno socio-culturale merita di essere ricordato e onorato, valorizzando con iniziatiche concrete tematiche a lui care (lavoro, cultura, ambiente).

Buon viaggio, prof.! Mancherai tanto. Non solo a tua moglie Pina, i tuoi figli Vito e Manuela e i tuoi nipotini Domenico e Salvatore, ma a tutta la città di Villa che nel tempo ti ha conosciuto e apprezzato. Mancherai, in particolare, a me e a Giusy Caminiti, collega con la quale mi stringo alla tua famiglia con profondo cordoglio e viva commozione.

radiomedua

CORDOGLIO DELLA CGIL PER LA SCOMPARSA DI MIMMO CRIMI

 

 

Oggi 1° Maggio 2020 è venuto a mancare MIMMO CRIMI, prestigioso dirigente della CGIL Villese, nonché uomo dedito alla famiglia ed alla difesa dei lavoratori, pensionati e dei ceti più deboli della società.

Sindacalista ed uomo molto stimato nella società e nelle istituzioni locali.

Ci mancheranno la sua bontà d’animo e le sue doti intellettuali che ha sempre messo al servizio della causa sindacale.

Il Sindacato indicherà questa figura nobile, oggi e negli anni a venire, alle nuove generazioni di sindacalisti affinchè ne possano seguire l’esempio.

La moglie Pina ed i suoi figli, pur straziati dal dolore, possono andare fieri di aver avuto un marito ed un padre integerrimo che ha sempre saputo anteporre gli interessi generali a quelli personali.

Quando le condizioni sanitarie e legislative lo consentiranno, la CGIL ricorderà questa nobile figura nelle forme più opportune. 

Oggi non resta che ammainare le bandiere per questa grave perdita.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.