ESAMI DI MINI E MAXI MATURITA 2020: A REGGIO E PROVINCIA AL VIA CON CIRCA 10.800 CANDIDATI

141

Martedì 9 giugno si concludono ufficialmente le lezioni  dell’anno più difficile nella storia della scuola repubblicana. Non solo quella italiana. L’istruzione a distanza attraverso l’utilizzo di tecnologie informatiche ha caratterizzato di fatto il secondo quadrimestre che sarebbe dovuto scorrere nella quotidiana solita prassi di sempre. L’emergenza sanitaria ha scombussolato tutto e non sarà facile valutarne gli effetti sui mutamenti nei meccanismi di apprendimento e nel sistema delle relazioni dentro e fuori la scuola. Una scuola già afflitta da numerosi problemi di ordine strutturale e infrastrutturale costretta a misurarsi con una vicenda traumatica e drammatica allo stesso tempo che ha messo a nudo tutto le deficienze di una sistema scolastico che, peraltro, a settembre con l’avvio del nuovo anno scolastico, si troverà di fronte una complessa quanto inedita situazione da gestire. Dall’ adeguamento dei locali agli orari, alla mensa, alle palestre,alla organizzazione didattica solo per citarne alcuni.

Come non è pensabile immaginare che la didattica a distanza, pur importante nei giorni del lockdown, diventi da strumento emergenziale un’alternativa definitiva. Non dimentichiamo che tanti ragazzi sono stati privati della formazione perche vivono in condizioni difficili economicamente. Insomma una grande sfida attende la scuola italiana per cui è il caso che una buona volta per tutte l’intera società, nelle sue articolazioni istituzionali e non ,si faccia carico della formazione delle nostre generazioni.

Ma veniamo agli adempimenti finali di questo anno scolastico che riguarda una popolazione di 78mila allievi delle scuole di ogni ordine e grado della nostra provincia.

 

Valutazione finale

La valutazione finale  riguarda quanto effettivamente svolto nel corso dell’anno in presenza e a distanza.

Gli alunni potranno essere ammessi alla classe successiva anche con voti inferiori a 6 decimi, in una o più discipline. Ma per chi è ammesso con insufficienze o ,comunque, con livelli di apprendimento non pienamente raggiunti sarà predisposto dai docenti un piano individualizzato per recuperare quanto non è stato appreso.

L’integrazione degli apprendimenti partirà da settembre e potrà proseguire durante tutto l’anno scolastico 2020/2021.

 

Esami del primo ciclo

La minimaturità, che in provincia di Reggio Calabria interessa circa 5.600 allievi,

coincide quest’anno con la valutazione finale da parte del Consiglio di Classe e che terrà conto anche di un elaborato prodotto dall’alunno, su un argomento concordato con gli insegnanti.

L’elaborato è uno strumento per valorizzare il percorso degli studenti: è stato già consegnato in questi giorni e sarà discusso , per via telematica, prima dello scrutinio finale. Per queste operazioni ci sarà tempo fino al 30 giugno. Sarà possibile conseguire anche la lode.

 

Esami del secondo ciclo

La maxi maturità, che compie quest’anno 97 anni,  interessa 4.843 studenti delle scuole statali e 320 delle scuole paritarie della provincia reggina. Gli esami avranno inizio mercoledì 17 giugno alle ore 8,30. Previsto per quest’anno il solo colloquio orale.

I crediti e il voto finale si baseranno sul percorso realmente fatto dagli studenti. Il credito del triennio finale è stato rivisto: potrà valere fino a 60 punti, anzichè 40 come prima. Al colloquio orale si potranno ottenere fino a 40 punti. Il voto massimo finale resta 100/100. Con possibile lode.

La prova orale, a differenza degli allievi della scuola media, si svolgerà in presenza davanti ad una commissione composta da sei membri interni e un Presidente esterno. Nelle scuole reggine opereranno ben 146 commissioni.

Ciascun candidato discuterà, in apertura di colloquio , un elaborato sulle discipline di indirizzo, trattando un argomento concordato che è già stato assegnato a ogni studente. Seguirà la discussione di un breve testo studiato durante l’ultimo anno  nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana. Saranno poi analizzati materiali coerenti con il percorso di studio fatto, assegnati dalla commissione. In chiusura di colloquio si valuteranno esperienze svolte e approfondimenti su conoscenze relative a “Cittadinanza e Costituzione”.

 

Misure e sicurezza per gli esami

E’ inutile sottolineare che per questi aspetti sarà assicurata la massima attenzione sulla pulizia dei locali, sugli ingressi, sul distanziamento fra candidati e commissione e sull’uso delle mascherine.

 

In tanta confusione gli esami paradossalmente restano l’unico punto fermo.

La scuola oggi è come una casa disordinata, dove si vive spesso nella  incertezza, un cantiere aperto dove riforme si succedono a controriforme. Una scuola priva di mezzi è destinata a rimanere scadente, compromettendo il livello generale della qualità, pregiudicando il futuro. Il sogno di una scuola come strumento forte e generale di elevazione per tutti sembra un po’ appannato al momento.

Gli esami, in questa confusione, paradossalmente costituiscono l’unico punto fermo: nei fatti, il solo dispositivo che formalmente regga, che riesca a dare alla scuola una illusione di efficienza, di funzione.

Allora è bene che questa “forma” rimanga rituale fino in fondo, nell’attesa che possa tornare a essere riempita di un serio contenuto oppure abolita.                                                                                                                                                                                                

 

Giugno 2020

                                                                                  Prof. Guido Leone

                                                                  già Dirigente Tecnico USR Calabria

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.