3 Dicembre 2020

Da lunedì 15 giugno le ultime riaperture. Toccherà a centri estivi per bambini, teatri, cinema, cerimonie, ma anche sale bingo e discoteche. Tutto con rigide regole di sicurezza. Ecco tutte le linee guida da seguire

 Ristorazione, cerimonie, spettacoli dal vivo, cinema e anche discoteche e campi estivi per bambini: sono gli ultimi settori che da lunedì 15 giugno torneranno ad essere operativi e per i quali la Conferenza delle Regioni ha messo a punto ed ha aggiornato le linee guida per consentire la riapertura parziale di attività produttive ritenute importanti. Via libera dal 15 giugno anche a scommesse e sale Bingo.

Cinema, teatri e spettacoli dal Vivo

La postazione dedicata alla reception e alla cassa può essere dotata di barriere fisiche, possibilmente usando modalità di pagamento elettroniche. Sarà vietato entrare in caso di temperatura superiore a 37,5.  I posti a sedere dovranno prevedere un distanziamento minimo, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro. L’eventuale interazione tra artisti e pubblico deve avvenire con un distanziamento di almeno 2 metri. Per spettacoli al chiuso, il numero massimo di utenti è di 200, per quelli all’aperto il numero massimo è 1.000. Nelle orchestrali, liriche e sinfoniche e più in generale negli spettacoli musicali i professori d’orchestra dovranno mantenere la distanza interpersonale di almeno 1 metro. Per gli strumenti a fiato la distanza interpersonale minima sarà di 1,5 metri; per il direttore d’orchestra, la distanza minima con la prima fila dell’orchestra dovrà essere di 2 metri. Per gli ottoni ogni postazione dovrà essere provvista di una vaschetta per la raccolta della condensa, contenente liquido disinfettante. I componenti del coro dovranno mantenere una distanza interpersonale laterale di almeno 1 metro e almeno 2 metri tra le eventuali file del coro e dagli altri soggetti presenti sul palco. Nelle produzioni teatrali l’uso promiscuo dei camerini è da evitare salvo assicurare un adeguato distanziamento interpersonale unito ad una adeguata pulizia delle superfici e i costumi di scena dovranno essere individuali. Infine nelle produzioni di danza va attuata la riduzione del numero totale delle persone (compresi eventuali accompagnatori) presenti nel sito, anche tramite turni. Misure valide per tutti l’aereazione naturale, il ricambio d’aria e il rispetto delle raccomandazioni sui sistemi di ventilazione e di condizionamento, sistemi di disinfezione delle mani accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento, divieto del consumo di cibo e bevande durante lo svolgimento degli spettacoli, vendita dei biglietti preferibilmente online e se in biglietteria senza utilizzo dei contanti

Le discoteche, si balla solo all’aperto

Indicazioni molto simili riguardano discoteche e i local notturni, dove è prevista la separazione di almeno 1 metro tra gli utenti e di almeno 2 metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo. Sulla base di queste limitazioni ogni locale è tenuto a rimodulare la capienza massima, utilizzando nel caso anche contapersone per monitorare gli accessi. Tuttavia il ballo sarà consentito solo ed esclusivamente negli spazi esterni (come giardini e terrazze) senza mai abbracciarsi ed è vietata la consumazione di bevande al bancone del bar. O si viene serviti ai tavoli, oppure i clienti delle discoteche dovranno mettersi in fila distanziati ed in modo ordinato, ritirare la bevanda e allontanarsi.

Le cerimonie e la ristorazione

Le cerimonie Anche in questo è preferibile l’uso di spazi esterni. Gli ospiti dovranno indossare la mascherina negli ambienti interni (quando non sono seduti al tavolo) e negli ambienti esterni, qualora non sia possibile rispettare la distanza di almeno 1 metro. Per la ristorazione valgono le indicazioni già in vigore per altri settori, con linee guida valide allo stesso modo per trattorie, pizzerie, self-service, bar, pasticcerie, pub, gelaterie, rosticcerie e le attività di catering. La distanza minima di un metro tra i clienti potrà essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra i tavoli. Ritorna la possibilità di organizzare una modalità a buffet – anche con porzioni monodose – mediante somministrazione da parte di personale incaricato, escludendo la possibilità per i clienti di toccare il cibo.

Aree gioco per i bambini e i campi estivi

Anche in questo caso è importante la riorganizzazione degli spazi e la dislocazione delle apparecchiature per garantire l’accesso in modo ordinato ed evitare assembramenti. In caso di presenza di minori che necessitino di accompagnamento sarà consentito l’accesso a un solo accompagnatore per bambino. La mascherina deve essere utilizzata da genitori, accompagnatori ed eventuale personale, e dai bambini e ragazzi sopra i 6 anni di età. In questo caso sarà meglio privilegiare, si sottolinea, l’uso di mascherine colorate e/o con stampe. Per i campi estivi sarà necessario favorire la composizione di gruppi di bambini il più possibile stabile nel tempo, evitando ‘intersezioni’ tra gruppi diversi, mantenendo, inoltre, lo stesso personale a contatto con lo stesso gruppo di minori. L’organizzazione delle camere deve consentire il rispetto della distanza interpersonale in particolare garantendo una distanza di almeno 1,5 m tra i letti, la cui biancheria deve essere ad uso singolo.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.