SERVIZIO SUL PARCO ACQUATICO DI RENDE, MINACCE ALLA GIORNALISTA RAI ERIKA CRISPO

384

Solidarietà e vicinanza dall’esecutivo Usigrai e dal cdr della redazione calabrese della testata giornalista del servizio pubblico regionale alla cronista Rai Erika Crispo, pesantemente minacciata dopo la messa in onda nel tg delle 14 di oggi del servizio sul parco acquatico di Rende.

In una nota è detto che «frasi come «non sai con chi hai a che fare», «ti vengo a prendere a casa», «sei una testa di c…», «sei una cretina», pronunciate nel corso di una telefonata dal responsabile tecnico della società che gestisce la struttura non possono essere tollerate, tutta la redazione e l’Esecutivo Usigrai le condannano con forza. Non si possono accettare minacce e intimidazioni. Erika Crispo e tutti noi continueremo a svolgere il nostro lavoro con professionalità, attenzione e coraggio, raccontando quello che accade senza censure».

Tonino Russo, Segretario generale Cisl Calabria:

ferma condanna grave tentativo intimidazione e censura

verso giornalista Rai Erika Crispo.

Fare piena luce per tutelare lavoro giornalisti e garantire diritto informazione

 

Lamezia Terme, 13.06.2020 – «Esprimo la più ferma condanna – afferma il Segretario generale della Cisl calabrese, Tonino Russo – del grave tentativo di intimidazione e censura subito dalla giornalista Rai Erika Crispo per il servizio sulla vicenda dal Parco Acquatico di Rende. Si tratta di un episodio su cui sarà necessario fare piena luce per tutelare il lavoro dei giornalisti e garantire il diritto dei cittadini all’informazione.

Alla professionista direttamente coinvolta e all’intera redazione della sede Rai per la Calabria va, insieme alla solidarietà della Cisl, il ringraziamento per il lavoro che quotidianamente svolgono per la nostra regione».

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.