SIDERNO: SI DIMETTE LA SEGRETARIA DELLA CONSULTA CITTADINA

202

Consulta Cittadina di Siderno

Sfiducia; fulmine a ciel sereno

 

“Nel momento più buio della storia della Repubblica italiana, quando l’unità di intenti dovrebbe caratterizzare la risposta più appropriata alla questione covid 19 ed a tutte le sue pericolose conseguenze per la Città di Siderno, emerge il personalismo e la delegittimazione della Democrazia anche la dove dovrebbe essere consacrata”.

E’ quanto denuncia la Segretaria della Consulta Cittadina di Siderno, Sabrina Santacroce, costretta a rassegnare le dimissione in seguito alla poca considerazione perpetrata da uno dei membri del Comitato di Collegio di Presidenza e nell’assoluto silenzio degli altri membri del Collegio che avrebbero, invece, dovuto richiamare il consigliere ad attenersi all’ordine del giorno. Infatti, il Collegio di Presidenza ed il Comitato del Collegio, si erano riuniti, in seduta straordinaria, nella sede della Pro Loco, per discutere 4 punti all’o.d.g.: 1) Donazione derrate alimentari; 2) Bandiera Blu; 3) Partecipazione giornate ambientali; 4) Eventi Estate 2020.

Prima della conclusione dell’ultimo punto in discussione è emersa la reazione istintiva, quasi di stizza, per un normale, quasi fisiologico, diverbio con la Santacroce, che ha portato uno dei membri del Comitato interno al Collegio di Presidenza, a proporre il siluramento della stessa segretaria sol perché di diverso avviso sulle considerazioni inerenti le associazioni, portando, cosi, la discussione fuori binario, fuori dal seminato e con le immancabili conseguenze. Non è mancato il richiamo della Presidente alle aspre provocazioni scaturite che hanno seminato risentimento e portato, poi, la segretaria ad abbandonare la seduta percependo, di fatto, la mancanza di stima dalle dichiarazioni fuori tema, invece, ampiamente dimostrata, da sempre, dalle altre associazioni rappresentate.

“La Democrazia è tale in virtù della diversità e della diversa opinione su cui si fondano i principi costituzionali e da li scaturiscono le scelte su base democratica e non certo su prese di posizioni individualistiche intrise di maschilismo e non affrancate dal senso critico”, dichiara la Santacroce.

In tale contesto non è mancata la solidarietà della Presidente del Centro Italiano Protezione Civile, Maria Bizantini, la quale ha sempre riconosciuto i meriti dell’operato della Santacroce in ogni occasione,coordinatrice dell’Area Territorio della Consulta  ,oggi dimissionaria anche lei , ritenendo opportuno che ormai non ci sono piu’ le condizioni ottimali che garantisco una serena prosecuzione del rapporto di collaborazione fino qui ottenuto. 

E’ dal 2010 che Sabrina ricopre il ruolo di Segretaria, distinguendosi sempre per l’impegno profuso a favore della città di Siderno, impegno volontario e mai intriso di secondi fini; promuovendo indefessamente la socialità sidernese al fine di incentivare la cultura, la solidarietà, il culto della Madonna di Porto Salvo e ogni aspetto che potesse restituire alla antica Sideros un più proficuo presente.

Le dimissioni risultano irrevocabili e intrise di un certo amaro in bocca in seguito all’incomprensibile fulmine a ciel sereno lanciato più dalla prevaricazione individuale piuttosto che da avversioni personali. All’or quando, nella consulta, la discussione animata è sempre stata quasi un volano per il raggiungimento di obbiettivi che potessero dare un valido contributo alle vicissitudini sidernesi, quale città commissariata, tutto ad un tratto diventa oggetto di inaccettabile discriminazione. “La vita comunitaria non è un piatto d’argento su cui servire portate prelibate per ogni settore, e la discussione aperta, vibrante fino anche allo scontro, hanno sempre consentito di prefiggersi obiettivi nobili e corposi per ripagare la memoria ed il sacrificio dei nostri padri che hanno traghettato l’antica Sideros nell’attuale Siderno” ha concluso la Segretaria dimissionaria.   

Sabrina Santacroce  

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.