LOCRI (RC): INCHIESTA “RISCATTO-MILLE E UNA NOTTE”: 35 ANNI DI CARCERE PER 6 PRESUNTI AFFILIATI AI CORDÌ

290

Si è concluso davanti al Gup di Reggio Calabria, Tommasina Cotroneo – di recente colpita da un grave atto intimidatorio  – il rito abbreviato con condanne per complessivi 35 anni di reclusione a sei degli imputati coinvolti nell’inchiesta “Riscatto-Mille e una notte” .

 

Le condanne vanno a colpire, con la pena più pesante, Domenico Cordì (a 10 anni e 8 mesi), seguito da Bruno Zucco (8 anni e 4 mesi), Vincenzo Cordì (6 anni); Gianfranco Alì (4 anni e 8 mesi); Antonio Cordì (4 anni); Domenico Schirripa (16 mesi, pena sospesa).

Gli altri 16 soggetti coinvolti nelle indagini saranno invece giudicati con rito ordinario.

L’OPERAZIONE

L’operazione era scaturita dall’accorpamento di tre distinte e convergenti indagini, condotte da un lato dai Carabinieri e dall’altro dalla Guardia di Finanza.

In un primo blitz, eseguito nella notte del 2 agosto dello scorso anno, scattarono le manette per dieci persone, ritenute appunto far capo alla storica cosca locale dei “Cordì” .

A distanza di 20 giorni dalla prima retata, scattò un altro arresto legato ad una serie di sequestri di beni a carico di una quindicina di soggetti ritenuti appartenenti o comunque contigui al clan .

A tutti gli indagati, a vario titolo, veniva contestata l’associazione di tipo mafiosol’estorsione, il danneggiamento seguito da incendio, l’illecita concorrenza con minaccia o violenza, la violazione della sorveglianza speciale, la detenzione e porto d’armi, con l’aggravante di aver agito per favorire gli interessi della ‘ndrangheta, appunto lo stesso clan reggino.

cn24tv.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.