LOCRIDE AMBIENTE, SCIOPERO CONFERMATO

216

Niente raccolta il 14 luglio a Motta, Siderno, Monastercace Gioiosa Marina e Grotteria

Botta e risposta tra Slai-Cobas e Locride Ambiente. Dopo la proclamazione dello stato di agitazione dei lavoratori nei comuni di Siderno, Marina di Gioiosa, Monastercace, Grotteria e Motta San Giovanni, arriva una piccata replica della società ma anche la conferma dello sciopero del 14 luglio.

«Quella di Slai- Cobas – scrive Locride Ambiente – è l’ennesima provocazione da rispedire al mittente. Accusare la società di pure falsità sta diventando pericoloso, non solo per la tensione che si crea, ma anche per i messaggi che si veicolano». Slai-Cobas afferma di essere costretto a chiedere il pagamento dei lavoratori alle amministrazioni comunali in via sostitutiva, previa presentazione delle buste paga da parte della società che, invece, temporeggerebbe, se non addirittura eviterebbe di consegnare i prospetti degli emolumenti di ogni singolo lavoratore. È pura infamia. Locride Ambiente ha sempre garantito gli stipendi, appena la situazione di cassa lo ha consentito. Ma Slai-Cobas dimentica, gravemente e dolosamente, un’altra cosa: il ricorso al pagamento diretto da parte dei Comuni, può determinare enormi problemi contabili. L’esistenza, di fatto, di due percorsi di erogazione può portare a doppi e non dovuti pagamenti. Insomma, si rischia di non garantire trasparenza e di non effettuare le giuste verifiche, con danni enormi per la società e per le amministrazioni comunali».

«Troviamo molto strano – è la replica di Slai Cobas, con una nota a firma di Nazzareno Piperno – che un’azienda si consideri operante nella piena legalità quando omette il pagamento delle retribuzioni per due o tre mesi di fila – laddove non per sei o addirittura fino a undici mensilità ma, evidentemente, pagare i lavoratori “quando la situazione di cassa lo ha consentito” e poi lamentarsi della sistematica attivazione da parte del sindacato dell’intervento sostitutivo, sì previsto da una legge dello Stato, viene considerata massima espressione dei principi di legalità , laddove la fame dei lavoratori e delle loro famiglie sono particolari di trascurabile importanza».

In conclusione, secondo il sindacato, «continuano a sussistere i motivi posti a base del già proclamato stato di agitazione con conseguente necessità di indire una giornata di sciopero dei lavoratori per il prossimo 14 luglio 2020».

SERVIZIO DI GIANLUCA SCOPELLITI

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.