SBARCO DI ROCCELLA: COMMISSARIATO DI POLIZIA DECAPITATO DALLE QUARANTENE. SAREBBERO 25 I POLIZIOTTI SOTTRATTI AL SERVIZIO.

897

Il prezzo più caro dell’ultimo sbarco di Roccella Jonica, dove su 70 pakistani, 26 sono risultati positivi al Covid, lo ha pagato la Polizia di Stato. Gli uomini del Commissariato di Polizia di Siderno messi in quarantena sarebbero 25, a partire dal Dirigente il Dott. Cannarella all’ultimo poliziotto intervenuto la sera di Venerdi a Roccella Jonica. Insomma un prezzo troppo alto, in un commissariato che lamenta organico, perdere, per un periodo relativamente lungo ed in piena estate, 25 unità sta creando una serie di problemi e disagi che inevitabilmente si ripercuoteranno sui servizi. Ma una cosa del genere non era prevedibile ? Chi ha deciso quella sera che i pakistani dovessero pernottare al palazzetto dello sport di Roccella Jonica? Ma la struttura è idonea per ricevere un numero così elevato di soggetti? E poi perchè l’ufficio immigrazione ha effettuato le operazioni di riconoscimento al palazzetto, sostanzialmente prima di conoscere i risultati dei tamponi, non era il caso di aspettare il giorno successivo. Sono interrogativi a cui bisogna dare una risposta. Lo ricordiamo sono finite in quarantena circa 50 persone che hanno operato il soccorso, che si sono esposte a rischio COVID-19, i finanzieri della Squadriglia aeronavale, il Comandante dei Vigili Urbani di Roccella Jonica il Ten. Alfredo Fragomeli, il presidente dei volontari della Protezione Civile di Roccella Jonica Domenico Scalamandrè che insieme ad altri volontari hanno trascorso eroicamente la notte al palazzetto dello Sport per dare assistenza. E non dimentichiamo i due interpreti volontari rimasti all’interno dell’Hotel in quarantena e coinvolti anche loro. Basterà un grazie a queste persone, che si sono esposte, mettendo a repentaglio anche i propri cari conviventi che oggi sono tutti in quarantena? Qualcuno direbbe era un rischio calcolato, se è così allora i conti sono stati fatti male. Qui non si sta parlando di accoglienza, ma di Malati di COVID che è tutta un’altra cosa. L’accoglienza ed il salvataggio in mare non centrano nulla e non sono messi in discussione. Il rischio concreto e calcolato è quello che altri sbarchi sono in arrivo e certamente qua nessuno è pronto a ripetere i vecchi errori. Allora ci si organizzi per tempo a trovare strutture idonee , perchè errare humanum est perseverare autem diabolicum. *** Redazione@telemia.it

SERVIZIO DI GIUSEPPE MAZZAFERRO

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.