SIDERNO: DA “SPORT E PERIFERIE” UN AIUTO PER LO STADIO

142
«Non lasciarsi sfuggire i possibili finanziamenti»
 

Il circolo del Pd ha sollecitato i commissari straordinari ad approfittare della pubblicazione del bando dell’Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei ministri – “Sport e Periferie 2020” – per selezionare gli interventi da finanziare nell’ambito del Fondo ad hoc e cercare di dare soluzione definitiva alla situazione dello stadio comunale.

La dotazione nazionale per l’anno in corso è pari a 140 milioni di euro; sono candidabili gli interventi volti alla realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi finalizzati all’attività agonistica, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane nonché al completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti da destinare all’attività agonistica nazionale e internazionale e possono presentare domanda di contributo per il finanziamento degli interventi sopraelencati anche i Comuni.

«Si tratta – scrive il Pd – di un bando che “casca a fagiolo” se si considera che il campo sportivo sidernese, allo stato chiuso poiché mancante di agibilità, necessita di numerosi interventi di ripristino e riqualificazione, che vanno dal manto erboso alle corsie di atletica, dalla ristrutturazione e copertura delle tribune alla riorganizzazione degli spogliatoi. Interventi per i quali già in passato questo circolo aveva chiesto attenzione, invitando l’Ente a partecipare ad alcuni bandi regionali». Secondo i democrat sidernesi le condizioni di abbandono in cui versa lo stadio comunale rappresentano una questione che solleva delusione e forti premure in capo ai cittadini, alle associazioni sportive di ogni ordine e genere e a tutti gli utenti che beneficiano di questa importante struttura. Migliaia di ragazzini e di giovani, iscritti e non alle varie società sportive, usufruiscono del campo sportivo, evitando aggravi di costi alle famiglie per dedicarsi ad attività che responsabilizzano e, soprattutto, che li tengono lontani da logiche delinquenziali.

«Per questo – dice la nota – occorre intervenire in modo tempestivo senza lasciarsi sfuggire la possibilità di usufruire dei finanziamenti derivanti dal bando che, se aggiunti alla quota di bilancio destinata alla riqualificazione della struttura potrebbe comportare delle premialità per l’ente stesso, instaurando un circolo virtuoso di nuove alternative». Nella valutazione, infatti, possono pesare la vulnerabilità sociale e materiale del Comune in cui è localizzato l’intervento, la sostenibilità ambientale, la contribuzione da parte del proponente, il livello di progettazione, il grado di definizione del piano di attività di gestione dell’impianto.

A conclusione della sua nota, il circolo sidernese del Partito democratico chiede dunque che il Comune si adoperi in tal senso, «predisponendo nei tempi quanto necessario per partecipare al bando».

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.