STRUTTURE PER MIGRANTI PAZIENTI COVID-19 IN PIENO CENTRO CITTÀ: PREFETTURA E COMUNE CHIARISCANO IMMEDIATAMENTE. PRONTI AD UN PRESIDIO PERMANENTE.

213

Con il presente comunicato stampa il Movimento Sociale Fiamma Tricolore vuole
portare a conoscenza della cittadinanza reggina un documento della prefettura con cui
a fine giugno si indirizzava alla Commissione, che dirige l’azienda sanitaria di Reggio
Calabria, la richiesta di “sopralluoghi da effettuare presso edifici da destinare alla
quarantena di migranti” affetti da Covid19.
Il giorno dopo gli avvenimenti di Amantea dove la popolazione si è rivoltata contro
l’arrivo di un gruppo di migranti positivi al Covid19 e sbarcati venerdì sera a Roccella
Jonica, a Reggio Calabria si trama e ci si prepara in silenzio all’arrivo di nuovi positivi.
La cosa più aberrante è che nella città del sindaco anti-5G, tenendo all’oscuro i
cittadini, sono state individuate ben tre strutture di cui due in pieno centro città da
adibire a tale scopo.
Ancor più grave è il fatto che proprio nei giorni della famosa ordinanza, di natura
propagandistica e senza alcun fondamento scientifico, il signor Falcomatà nascondeva
alla città la lettera indirizzata dall’ASL ai comuni interessati (tra cui Reggio Appunto)
con oggetto la “richiesta documentazione per rilascio parere iginico-sanitario di
alloggi destinati ad eventuale quarantena di pazienti Covid-19”.
Come da documento pervenutoci gli alloggi individuati in città sono quelli relativi alla
struttura gestita dalla “Liberi di fare s.r.l.” sita in via Cappuccinelli, la struttura gestita
dalla “We4You Soc. Coop.” sita in via Paolo Pellicano e per ultimo la struttura della
“F&N s.r.l.s” sita in SS106 Jonica San Gregorio. Due di queste sono addirittura in
pieno centro città!
Proprio nei giorni in cui il premier Conte annuncia l’intenzione di prolungare lo stato
di emergenza al 31 dicembre 2020 tra le proteste dell’opposizione, i nuovi scafisti al
governo fanno di tutto per dare una giustificazione a tale provvedimento e visto che i
dati dell’epidemia in Italia sono insufficienti, si importano, volontariamente, nuovi
contagi dall’estero!
Il Movimento Sociale Fiamma Tricolore chiede una immediata replica ed urgenti
chiarimenti alla cittadinanza da parte degli organi citati in questo comunicato
mancando i quali si organizzerà con tutti i propri mezzi a disposizione per un presidio
permanente di fronte comune e Prefettura affinchè sia fatta luce sui fatti oggetto della
presente.
Il popolo reggino e calabrese ha fin troppo civilmente sopportato tre mesi di forzato
“lockdown”, migliaia di aziende chiuse, centinaia di attività che non hanno più riaperto,
altre costrette ad essere cedute, migliaia di posti di lavoro andati in fumo senza che i
numeri abbiano mai richiesto le misure draconiane invece adottate!
Allo “sceriffismo” del “passa pa’ casa” e “non fari u’ fissa” dell’attuale sindaco noi
abbiamo risposto fin dall’inizio con estrema serietà e per tale motivo non possiamo
rimanere impassibili a questo ulteriore sfregio ai danni di una città già in ginocchio che
stenta a ripartire e per giunta nel pieno della stagione turistica. Per questo il suo silenzio
è inaccettabile!
Basta pensare, ad esempio, a quali misure abbiamo costretto i nostri corregionali:
bloccati per mesi fuori casa, bollati come vili untori, abbandonati senza lavoro e soldi,
rientrati dopo tre mesi in regione e messi in quarantena. Gli stessi operatori delle forze
dell’ordine che hanno coordinato lo sbarco di venerdì a Roccella sono oggi a casa in
quarantena e dovremmo accettare supini che proprio in centro città vengano accolti dei
positivi o potenziali positivi al Covid19?
Vorremmo ricordare a tal signori che ancora oggi è vietato l’accesso alle strutture
ospedaliere e alle cure a gente gravemente malata con il rinvio di esami e cure che
pregiudicheranno la vita e la salute di molti. Qualsiasi cosa ne pensi il New York Times
la Calabria è stata risparmiata per ben altre ragioni che nulla hanno a che fare con la
presunta organizzazione ed efficienza della sanità calabrese con la quale medici e
operatori sanitari, di impareggiabile livello e professionalità, sono costretti ogni giorno
a fare i conti! Non possiamo quindi correre il rischio di importare l’epidemia da altri
paesi.
Nei giorni in cui si commemorano i 50 anni dai “Moti di Reggio” il Movimento
Sociale, oggi ancora rappresentato nella sua continuità storica e politica dalla Fiamma
Tricolore, sarà nuovamente in piedi e in prima fila contro l’ennesimo sopruso
autoritario di uno stato centrale totalmente sordo e cieco rispetto ai legittimi interessi
di tutto il popolo reggino.
Giuseppe Minnella
Movimento Sociale Fiamma Tricolore
Federazione di Reggio Calabria

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.