Lun. Apr 12th, 2021

L’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte ha affidato la manutenzione “leggera” dei sentieri con l’iniziativa “Adotta un sentiero del Parco”. alle associazioni escursionistiche e naturalistiche, storicamente operanti nel territorio. Sono oltre 230 chilometri di reste sentieristica ad essere conferite alla cura delle associazioni, nell’ambito delle attività volute dall’Ente per la conservazione e la tutela delle risorse ambientali e della qualificazione della rete sentieristica e dei percorsi naturalistici promossi dal Parco in applicazione della Legge Quadro sulle aree protette n°394/91 e in esecuzione del Regolamento per la fruizione e la gestione della rete dei sentieri dell’Aspromonte. Le associazioni che hanno risposto alla manifestazione di interesse promossa dall’Ente Parco, CAI, GEA e Guide Ufficiali, dovranno, tra le altre, effettuare azioni di prevenzione e monitoraggio delle condizioni del tracciato al fine di prevenire il degrado ed atti di danneggiamento, il controllo e la verifica delle condizioni di accessibilità e percorribilità dell’intero percorso adottato; interventi di manutenzione leggera; attività di informazione ed educazione alla corretta fruizione dei sentieri e delle aree protette; segnalazioni nel caso di assenza di segnaletica verticale e di cartellonistica informativa, di danneggiamenti e atti vandalici; attività di promozione dei sentieri adottati. I sentieri rappresentano l’infrastruttura più importante per la corretta fruizione dell’Area Protetta e la sua valorizzazione in chiave turistica. Sono sempre più numerosi gli escursionisti, i turisti, gli appassionati di montagna, provenienti dall’Italia e dall’Europa, che percorrono sentieri, rivitalizzando il tessuto sociale ed economico dei territori attraversati ed enfatizzando qualità e patrimonio delle comunità locali e dell’intero Parco dell’Aspromonte. Di quanto sopra è stata data comunicazione dall’ Ufficio stampa dell’ Ente Nazionale Parco D’Aspromonte,

ARISTI

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.