OSPEDALE DI LOCRI, ARRIVA UN “COMMISSARIO” DOVRÀ RIFERIRE OGNI CRITICITÀ ALL’ASP

375
Si tratta del dott. Giuseppe Zuccarelli, con mandato a tempo pieno
Il medico «disimpegnerà temporaneamente la propria attività presso la direzione sanitaria ospedaliera di Polistena»
 

Qualcosa si muove in direzione del potenziamento dell’ospedale di Locri. Dopo le segnalazioni e le proposte di queste ultime settimane dagli operatori sanitari ospedalieri e dal segretario territoriale della Uil-Fpl, Nicola Simone, finalmente la direzione sanitaria aziendale si è mossa in maniera concreta. Il direttore aziendale Antonino Bray, ha infatti emanato disposizioni di servizio «per l’ottimizzazione delle procedure d’accesso al Pronto Soccorso di Locri». Una disposizione con la quale di fatto l’Asp “commissaria” la direzione sanitaria ospedaliera. Con l’obiettivo di determinare una migliore e più efficiente organizzazione del presidio, Bray ha infatti assegnato «a interagire immediatamente» con la Direzione sanitaria ospedaliera del dirigente medico Giuseppe Zuccarelli, che «disimpegnerà temporaneamente la propria attività presso la direzione sanitaria ospedaliera di Polistena». A lui è stato assegnato lo specifico compito di monitorare, man mano che andranno emergendo, le criticità del nosocomio locrese, e di segnalarle tempestivamente al direttore Bray. E questo – spiega il direttore sanitario aziendale – «al fine di effettuare una rapida risoluzione e ottimizzazione dei servizi ospedalieri».

Oltre alla “implementazione dei posti e l’ottimizzazione dei percorsi assistenziali della sezione Obi e della astanteria protetta del Pronto soccorso», nelle disposizioni è previsto «il potenziamento del pre-triage con l’impiego per tutto il periodo estivo di unità Usca per la ottimizzazione diagnostica (test ultrarapidi o sierologici istantanei e tamponi in Codice U), nonché l’intercettazione «preventiva dei codici bianchi e loro indirizzamento ai medici di medicina generale o al Punto unico di accesso (PUA), per la gestione ambulatoriale e territoriale delle problematiche differibili».

Le disposizioni sono finalizzate a ottimizzare «i ricoveri protetti urgenti dei pazienti in codice giallo e rosso secondo le procedure di sicurezza e qualità (biocontenimento in stanze dedicate)», e “le consulenze specialistiche al PS con intervento immediato per l’area dell’emergenza ovvero con reperibilità garantita h24 dei consulenti delle specialità mediche e chirurgiche».

PINO LOMBARDO (Gazzetta del sud)

 

SERVIZIO DI NICODEMO BARILLARO

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.