REGGIO CALABRIA. AGGREDITO IN CARCERE UN VICE SOVRINTENDENTE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

132

Ancora una volta, nel reparto psichiatrico del carcere di San Pietro, a Reggio Calabria, si è verificata un’aggressione ai danni di un Poliziotto.

 
Nel turno serale del 12 agosto un Vice Sovrintendente di Polizia Penitenziaria, mentre svolgeva il servizio di Sorveglianza Generale, si è recato presso il reparto di osservazione psichiatrica per affiancare il collega in servizio in quel settore, in modo da fare effettuare al ristretto la telefonata settimanale. Appena è stato aperto il cancello della stanza il detenuto, senza un giustificato motivo, si è scagliato contro il Poliziotto infierendo con vari pugni su tutto il suo corpo. Portato al pronto soccorso, gli è stata diagnosticata una costola incrinata e gli sono stati dati quindici giorni di prognosi, salvo eventuali altre complicazioni.
Il reparto in questione- affermano Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale – è stato aperto nel lontano gennaio 2006, in ottemperanza a quanto stabilito dall’art.65 dell’Ordinamento Penitenziaria e dagli artt. 32 e 112 del relativo Regolamento. Tale reparto doveva essere di transito per i detenuti, per massimo tre giorni, e non un posto dove lasciarli per mesi, come invece avviene adesso. Inoltre, il personale di polizia penitenziaria non è formato per gestire detenuti con problemi psichiatrici che dovrebbero essere affidati a personale medico e paramedico.
Assistiamo continuamente ad episodi di aggressioni e distruzione delle stanze. Infatti, già tre stanze sono state rese inagibili dalla violenza devastante di questi detenuti. Sarebbe opportuno assumere provvedimenti adeguati per la gestione dei detenuti con problemi psichiatrici.
Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.