TUTTI IN BARCA DI SAN ROCCO

244

LA BARCA DI SAN ROCCO A GIOIOSA JONICA. UNA INIZIATIVA DEL COMITATO FESTA SAN ROCCO CHE LA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI SI E’ IMPEGNATA A PORTARE AVANTI CON LE SUE ASSOCIAZIONI MA ANCHE CON CONOSCENZE DI PRIVATI, TRA QUESTI GIUSEPPE JACOPETTA E ANITA CORREALE.
ABBIAMO GIA’ PRESENTATO QUELLA DI GIUSEPPE JACOPETTA, SPIEGANDO LE MOTIVAZIONI E LE CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE SCELTE DA GIUSEPPE, STIMOLATO DALLA FIGLIA GIULIA.
ADESSO LEGGETE QUALI SENTIMENTI ED IDEE HANNO ISPIRATO QUELLA COSTRUITA DA DUE INTRAPRENDENTI DONNE, L’ARCHITETTO FEDERICA TROPEANO (110 E LODE) E ANITA CORREALE (CASALINGA FOREWER) IN UNA ZONA DISPERSA MA BELLISSIMA DI CAFOLI SUPERIORE DI GIOIOSA JONICA.
“Perchè non facciamo la Barca di San Rocco ? dice la casalinga a vita Anita all’Architetto Federica, fresca di un 110 e lode.
E Federica continua a raccontare.
“Tentiamo, abbiamo la curiosità di riuscire in un progetto che non avevamo mai visto, se riusciamo o no, questo ci siamo detti. Proviamo se riusciamo a realizzare questa impresa.”
“Come poteva essere il veliero che nel 1748 è arrivato da Napoli a Marina che ha portato la statua del nostro Santo Patrono ? Una piccola caravella come quella utilizzata nel 400/500 con la cosidetta epoca delle scoperte degli esploratori come Cristoforo Colombo, Amerigo Vespucci… E ci siamo messe insieme a fare ricerche…. cercando di mantenerci su una linea di purismo e di minimalismo, ispirandoci sempre ai maestri Le Corbusier, Mills grandi fondatori di queste linee artistiche….”
“La nostra idea è quella di dipingere l’intero veliero di bianco, proprio perchè bianco simboleggia il Paradiso, simboleggia l’Eternità, quindi la nostra idea è quella che il passante per le vie del borgo, alzando gli occhi, vede questo veliero tutto bianco. Nel suo cuore si stimolano nobili sentimenti, un sentimento di divinità, un senso del divino, del Santo…”
“Abbiamo usato materiale di riciclo raccolto nelle nostre case, in giro, puntando sul riciclo creativo e sul materiale ecosostenibile, riciclato e biodegradabile…”
UNA COSTRUZIONE DUNQUE RAGIONATA, STUDIATA, CHE MUOVE DA STORIA DELL’ARCHITETTURA, SENTIMENTI PURI, RELIGIOSI , IL BIANCO CHE LI RICHIAMA, FINO A STRUTTURARE LA COSTRUZIONE CON MATERIALE RICICLATO “CREATIVO”.
ANITA E FEDERICA SI SONO DOMANDATE ALL’INIZIO “CE LA FAREMO ?”.
IO CREDO CHE CE L’HANNO FATTA E COME ! CONSEGNANDOCI OGGI UN ALTRO CAPOLAVORO PER L’INTENSITA’ DELL’IDEA, L’IMPEGNO E IL SIGNIFICATO CHE QUEST’OPERA APPORTERA’ ALLA FESTA DI SAn ROCCO 2020, ONORANDO ASSIEME ALLE ALTRE BARCHE IN ARRIVO IL NOSTRO SANTO PATRONO.
ANCHE QUESTI SONO MIRACOLI CHE SAN ROCCO FA COMPIERE AGLI ESSERI UMANI, AI SUOI FEDELI E DEVOTI.
OGGI IL SERVIZIO NEI TG DI TELEMIA.
Vincenzo Logozzo
Gioiosa Jonica, venerdì 14 agosto 2020

SERVIZIO DI VINCENZO LOGOZZO

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.